Dona Adesso
Papa e Kirill

ZENIT - SC

Francesco e Kirill insieme a Cuba. Un incontro dal sapore di storia

L’abbraccio tra il capo della Chiesa cattolica e quello della Chiesa ortodossa russa si terrà a Cuba, dove il Papa farà scalo prima del suo viaggio in Messico. Prevista la firma di una dichiarazione comune

È un nuovo capitolo di storia quello che si scriverà il prossimo 12 febbraio, quando Papa Francesco incontrerà il Patriarca di Mosca e di tutta la Russia Kirill a L’Avana, Cuba. Un incontro storico che era nel cuore di Benedetto XVI ma ancora prima di Giovanni Paolo II, senza però mai realizzarsi.

Ad annunciarlo, questa mattina, padre Federico Lombardi in Sala Stampa vaticana leggendo un comunicato congiunto della Santa Sede e del Patriarcato di Mosca, in cui si annuncia che: “Per grazia di Dio, Sua Santità Papa Francesco e Sua Santità, si incontreranno il 12 febbraio”. 

L’evento avrà luogo a Cuba, un “territorio neutro” – ha sottolineato Lombardi – dove il Papa farà scalo prima del suo viaggio in Messico, e dove il Patriarca sarà in visita ufficiale, invitato da Raul Castro nel maggio dello scorso anno, durante la sua visita a Mosca. Visita dopo la quale Kirill fece tappa a Roma e incontrò il Pontefice, dichiarando poco dopo alla stampa: “Se continua così potrei tornare alla religione cattolica”.

Non è chiaro se e quale ruolo abbia rivestito Castro per l’incontro; ciò che è certo è che l’appuntamento tra il Vescovo di Roma e il Vescovo della cosiddetta “terza Roma” (la seconda è Costantinopoli), comprenderà un colloquio personale presso una sala privata dell’aeroporto internazionale José Martí dell’Avana, e si concluderà con la firma di una dichiarazione comune. In programma anche uno scambio dei doni, al quale sarà presente Castro, e due brevi discorsi del Papa e del Patriarca.

“Non si tratta di testi con discorsi lunghi preparati”, ha spiegato Lombardi, “ma saranno espressione personale dei sentimenti per questa bellissima occasione”. Il portavoce vaticano ha inoltre ricordato ai giornalisti che “questo incontro dei Primati della Chiesa cattolica e della Chiesa ortodossa russa è stato preparato da lungo tempo, almeno due anni; sarà il primo nella storia e segnerà una tappa importante nelle relazioni tra le due Chiese”.

Nel comunicato congiunto si legge infatti: “La Santa Sede e il Patriarcato di Mosca auspicano che sia anche un segno di speranza per tutti gli uomini di buona volontà. Invitano tutti i cristiani a pregare con fervore affinché Dio benedica questo incontro, che possa produrre buoni frutti”.

Secondo il programma, il colloquio tra Francesco e Kirill durerà un paio d’ore: dalle 14.20 fino alle 16. Come in un flashback, Raul Castro sarà ai piedi della scala dell’aereo papale per accogliere il Santo Padre sulla pista dell’aeroporto. Il presidente cubano accompagnerà poi Bergoglio nella sala privata per il colloquio – alla presenza di due interpreti da russo e spagnolo – con il Patriarca, che giungerà invece a Cuba l’11 febbraio.

Castro resterà fuori la porta per poi rientrare al momento dello scambio dei doni, della presentazione delle delegazioni e della firma dell’importante documento che sarà poi reso pubblico in diverse lingue. Un testo “ampio”, ha detto padre Lombardi, che secondo le prima dichiarazioni del portavoce della Chiesa ortodossa verterà principalmente sul tema della persecuzione dei cristiani nel mondo.

Il tutto dovrebbe esaurirsi in tre ore, al termine delle quali Castro riaccompagnerà il Papa all’aereo con il quale raggiungerà Città del Messico “nell’orario previsto”. L’incontro con Kirill, infatti, “non intaccherà minimamente il programma del Papa in Messico” ha spiegato Lombardi, sottolineando che la scelta di tenerlo a Cuba è nata, oltre che da esigenze logistiche, anche dal fatto che si trattasse di un luogo “neutro”, ma “significativo per le due parti”. L’isola caraibica, di fatto, oltre ad essere “un crocevia nel mondo di oggi e nei suoi sviluppi”, è anche “un luogo ben conosciuto alla Chiesa Ortodossa Russa ma anche alla Santa Sede”, dopo le visite di tre Papi dal 1998 a oggi (l’ultima di Francesco nel settembre 2014). 

Grande gioia per la notizia è stata espressa dal patriarca ecumenico Bartolomeo I che, appena informato, “ha manifestato la sua soddisfazione per questo abbraccio tra il capo della Chiesa cattolica e quello della comunità ortodossa più numerosa del mondo”. Si conta infatti – anche secondo gli ultimi dati del Cesnur – che da Mosca dipendano circa due terzi degli oltre 200 milioni di ortodossi nel mondo.

Dell’importanza di questo evento “si potrebbe parlare per ore” ha aggiunto poi Lombardi, ricordando come questo incontro “non è improvvisato”, ma “preparato da lungo tempo”. Da due anni circa dopo l’elezione di Bergoglio, anche se è da decenni che si lavora “per maturare possibilità concrete affinché questo avvenisse”.

Da quando, cioè, Giovanni Paolo II espresse come “sogno nel cassetto”, dopo il viaggio in Cina, di abbracciare il capo della Chiesa ortodossa russa. All’epoca di Wojtyla si era pensato anche di organizzare l’appuntamento in capitali europee “neutre” (tipo Vienna o Budapest), ha detto Lombardi; ma questo non avvenne mai anche perché alla base degli impedimenti c’erano alcune questioni spinose.

Prima fra tutte quella dell’uniatismo. È questa la denominazione comunemente usata per indicare le Chiese dell’Oriente europeo tornate in comunione con la Chiesa cattolica di Roma, tra il XV ed il XVI secolo, dette per questo motivo anche Chiese greco-cattoliche, proprio ad indicare la compresenza di obbedienza al Vescovo di Roma e l’utilizzo del rito di tradizione greca e costantinopolitana.

Sul tema Papa Bergoglio era già intervenuto rispondendo ad una domanda del corrispondente dell’agenzia russa Tass, durante il volo di ritorno da Istanbul nel novembre 2014. “Le Chiese cattoliche orientali hanno diritto di esistere, è vero”, aveva detto il Santo Padre, “ma l’uniatismo è una parola di un’altra epoca. Oggi non si può parlare così. Si deve trovare un’altra strada”. E se ora l’incontro si farà “evidentemente sui diversi punti sono stati maturati i termini giusti”, ha evidenziato padre Lombardi.

Nella succitata conferenza stampa, Papa Francesco aveva inoltre già paventato l’ipotesi di un incontro con Kirill. “Io – aveva dichiarato – gli ho fatto sapere e anche lui è d’accordo, c’è la volontà di trovarci. Gli ho detto: io vengo dove tu vuoi. Tu mi chiami e io vengo. E anche lui ha la stessa volontà”. “In questi ultimi tempi, con il problema della guerra (in Ucraina ndr), il poveretto ha tanti problemi lì, che il viaggio e l’incontro con il papa è passato in secondo piano”, aveva aggiunto il Pontefice,  “ma tutti e due vogliamo incontrarci e vogliamo andare avanti”. Un desiderio che oggi si realizza.

E a chi domandava la possibilità di una visita del Papa a Mosca, padre Lombardi ha risposto lapidario: “È la prima volta dopo secoli che il Papa incontra il Patriarca della Chiesa ortodossa russa. Io credo che la notizia sia abbastanza grossa, non ci erano riusciti per moltissimo tempo… Quindi prendiamo il nuovo, il bello e grande che c’è. Una volta che l’incontro si sarà svolto iniziamo a pensare al resto. Diamo tempo al tempo, lasciamo fare alla storia i passi necessari”.

About Salvatore Cernuzio

Crotone, Italia Laurea triennale in Scienze della comunicazione, informazione e marketing e Laurea specialistica in Editoria e Giornalismo presso l'Università LUMSA di Roma. Radio Vaticana. Roma Sette. "Ecclesia in Urbe". Ufficio Comunicazioni sociali del Vicariato di Roma. Secondo classificato nella categoria Giovani della II edizione del Premio Giuseppe De Carli per l'informazione religiosa

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione