Dona Adesso

Wikimedia Commons

Obama annuncia chiusura Guantanamo: “Controproducente per il terrorismo”

Il presidente Usa lo promise già nel 2008; la chiusura prima della fine del suo mandato presidenziale. Il supercarcere attualmente ospita 91 detenuti

Era una promessa già fatta nel 2008, ora potrebbe divenire realtà: il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha annunciato l’intenzione di chiudere “una volta per tutte” il supercarcere di Guantanamo.

Oggi il dipartimento della Difesa presenterà al Congresso americano il piano della Casa Bianca e del Pentagono per la chiusura del penitenziario nell’isola di Cuba, che attualmente ospita 91 detenuti e personale formato da circa 2.000 tra civili e militari. L’obiettivo è di realizzare tale piano prima della fine del suo mandato presidenziale.

“Anche il mio predecessore, il presidente Bush, ha detto che voleva chiuderlo”, ha spiegato Obama parlando dalla ‘Roosevelt Room’ della Casa Bianca. “Continueremo a trasferire in modo sicuro e responsabile in altri Paesi i 35 detenuti a cui il trasferimento è stato già approvato”. Il resto, ovvero i detenuti giudicati troppo pericolosi, saranno invece trasferiti in un penitenziario sul suolo statunitense.

La chiusura viene motivata con gli elevatissimi costi della struttura e con il fatto che viene utilizzata dalla propaganda dell’estremismo islamico per reclutare adepti. “Se qualcosa non funziona, dobbiamo cambiare corso. Da tempo è evidente che Guantanamo mina i valori americani e non aiuta la nostra sicurezza nazionale” ed “è controproducente nella lotta al terrorismo”, ha affermato Obama.

“Non è un parere mio ma degli esperti”, ha aggiunto, sottolineando che chiudere Guantanamo è “chiudere un capitolo della nostra storia e imparare la lezione dell’11 settembre”.

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione