Dona Adesso

Nuovi Orizzonti: la Santa Sede approva definitivamente gli Statuti

Firmato il decreto dal Pontificio Consiglio per i Laici. La fondatrice Chiara Amirante: “Accogliamo questo dono di Dio con gratitudine e profondo senso di responsabilità”

Il 4 febbraio 2016, è arrivato dal Pontificio Consiglio per i Laici, il decreto dell’approvazione definitiva degli Statuti di Nuovi Orizzonti, datato 8 dicembre 2015, Solennità dell’Immacolata Concezione.

Per Nuovi Orizzonti la conferma dell’approvazione nella data della festa dell’Immacolata è “un regalo grande della dolcissima Mamma del Cielo e della Santa Madre Chiesa”, si legge in una nota del movimento.

“Con il decreto di erezione canonica di un’Associazione internazionale di fedeli e di approvazione dei suoi Statuti, la Sede Apostolica certifica l’autenticità ecclesiale di un’aggregazione di fedeli che ha come scopo la santificazione dei propri membri e l’edificazione della Chiesa”, ha dichiarato la fondatrice di Nuovi Orizzonti, Chiara Amirante.

“Con grande gratitudine e con profondo senso di responsabilità – prosegue la Amirante – accogliamo questo dono di Dio perché è un definitivo ‘sigillo’ della Chiesa che ci assicura che questo Carisma è un Dono dello Spirito Santo, una via che il Signore ha tracciato perché possiamo impegnarci nel ‘Santo viaggio’, con fervore sempre crescente, per fare di ogni istante della nostra vita un grazie di amore al Suo infinito Amore”.

“Intensifichiamo allora il nostro impegno a portare l’Amore a chi non ha conosciuto l’amore, la luce a chi si sente attanagliato dalle tenebre; testimoniamo sempre ed in ogni modo, con la nostra vita, la pienezza della Gioia di Cristo Risorto proprio a chi si sente imprigionato negli inferi della disperazione e della morte dell’anima!”, conclude poi la fondatrice.

Proprio 5 anni fa, il 4 febbraio 2011, si era svolta presso la sede del Pontificio Consiglio per i Laici la cerimonia di consegna del decreto di approvazione ad experimentum dello Statuto di Nuovi Orizzonti, riconosciuta come Associazione Privata internazionale di Fedeli, alla presenza dei membri del Dicastero della Santa Sede e dei rappresentanti di Nuovi Orizzonti giunti a Roma dai diversi Paesi in cui l’Associazione è diffusa ed opera.

Le parole di Sua Eminenza il cardinale Stanisław Ryłko, Presidente del Pontificio Consiglio per i Laici, unite alla testimonianza di Chiara Amirante, avevano dato il via ad una tappa storica per tutti coloro che, dal 1993 in poi, avevano condiviso l’anelito che spinse Chiara Amirante a condividere la pienezza della gioia di Cristo Risorto con quell’umanità ferita dalla “morte dell’anima” andando incontro in particolare a chi vive negli “inferi”, nella disperazione, nell’abbandono, nell’emarginazione, nel bisogno, nelle sempre nuove “periferie esistenziali” che caratterizzano le nostre città.

Dalla prima casa di accoglienza dove giovani soli, schiavi delle dipendenze, hanno potuto ricostruire se stessi alla luce del Vangelo e per mezzo di un programma terapeutico riabilitativo ideato da Chiara stessa, in pochi anni si è arrivati a 207 Centri, 982 Equipe di servizio, 5 Cittadelle Cielo, più di 450.000 Cavalieri della Luce prima in Italia e poi all’estero.

In occasione della Messa del 6 febbraio 2011 il cardinale Ryłko aveva confermato il mandato di Papa Benedetto XVI consegnato nell’Udienza del 5 febbraio: “Voi vi impegnate a testimoniare ai giovani smarriti e profondamente feriti la gioia di Cristo risorto. Oggi questo è un compito estremamente importante”, aveva dichiarato il porporato in quell’occasione.

Ai membri della Comunità Nuovi Orizzonti, il capodicastero aveva augurato di “essere sempre fedeli al vostro carisma” e di metterlo “a servizio della missione della Chiesa con gioia ed entusiasmo, come avete saputo fare fino ad oggi. Il decreto ricevuto è una conferma che la Chiesa ha bisogno di voi, si fida di voi e conta su di voi! Ancora di più oggi ci sentiamo impegnati ad essere fedeli a questa chiamata così attuale e così urgente”.

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione