Dona Adesso
Santa Casa di Loreto

Santuarioloreto.it - CC0

Loreto: gli ortodossi riconoscono la Santa Casa

Oggi la preghiera comune della autorità ortodosse di tutta Europa intorno alla più antica reliquia mariana. Gennadios: “Una tappa gloriosa”

Un momento storico si è vissuto oggi a Loreto, dove le autorità ortodosse di tutta Europa si sono ritrovate per pregare insieme attorno alla Santa Casa di Loreto, decretandone il riconoscimento ufficiale, in occasione del settimo centenario della fondazione dell’attuale basilica pontificia. Le delegazioni provenivano da Albania, Georgia, Grecia, Romania, Russia e Serbia; insieme a loro anche il delegato pontificio, mons. Giovanni Tonucci.

A condurre la preghiera rivolta alla Madonna Theotokos, il Metropolita Zervos Gennadios, arcivescovo ortodosso d’Italia e Malta del Patriarcato Ecumenico, che alla Radio Vaticana spiega:  È una tappa gloriosa, perché succede dopo tanti incontri importantissimi in questo periodo, a Gerusalemme come a Roma. Il patriarca Bartolomeo e Sua Santità Papa Francesco a Costantinopoli; Sua Santità Bartolomeo a Roma; l’incontro tra Kirill, Patriarca di tutta la Russia, e Francesco. È un periodo di grande importanza, veramente glorioso, perché vediamo che questi due mondi, quello latino occidentale e quello bizantino orientale, vogliono veramente uscire dalla crisi, mostrare a tutti l’unità e la prosperità dell’umanità”.

“Con Loreto – sottolinea il Metropolita – abbiamo la protezione della Madonna, la più antica reliquia mariana, in questo luogo sacro ed ecumenico, che noi preghiamo e consideriamo. E allora questo periodo è veramente glorioso, perché tutti vogliono incontrarsi per portare al mondo il messaggio della speranza: l’unico tesoro che può dare all’uomo la forza e la felicità è il nostro Salvatore, Gesù Cristo”.

“Le sorelle Chiese Orientali vantano dei vincoli storici con la Casa di Loreto”, ha detto il delegato pontificio mons. Giovanni Tonucci, che ritiene “opportuno e provvidenziale che l’incontro di studio e preghiera avvenga nella Basilica della Santa Casa, in uno spirito di fede e di fraternità”.

“Questo – aggiunge ancora Gennadios – è lo spirito che dà la Chiesa di Cristo, ma non le divisioni della Chiesa di Cristo. Le divisioni sono umane, ma la Chiesa di Cristo è sempre indivisa. E’ questa Chiesa che noi dobbiamo unire, dobbiamo realizzare il testamento del nostro Salvatore, Gesù Cristo: che tutti siano una cosa sola. E la Chiesa dà questo grande messaggio, il messaggio dell’amore, della pace e dell’unità. L’uomo deve essere fratello del prossimo, e credo che questa Sacra Casa di Loreto trasmetta questo tesoro inestimabile, perciò è gloriosa… messaggi eterni della Chiesa”.

“Questa Casa – conclude – fa conoscere tutti i messaggi dell’unità, della pace, della speranza e dell’amore per tutta l’umanità. Noi dobbiamo pregare e sentire fortemente nel nostro cuore che forse il più grande peccato dell’umanità è la divisione della Chiesa, le nostre divisioni che Dio non vuole. E Dio soffre, il nostro Salvatore, perché non abbiamo ancora realizzato il Suo testamento, che è la Sua volontà: che tutti siano una cosa sola.

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione