Dona Adesso

Satanismo - Pixabay

Il satanismo è una strada senza uscita

Perché alcuni giovani cadono nella trappola del culto del diavolo?

Capita, a volte, di incontrare ragazzi che si dichiarano affascinati da Satana. È una triste tendenza che trova terreno fertile nella vita di certi giovani in crisi, smarriti in una profonda solitudine e spesso vittime di situazioni familiari difficili.

Come si diffonde la moda del satanismo? Quali sono le cause dell’epidemia diabolica che rischia di colpire le nuove generazioni?

Tutto nasce da un grande equivoco. Alcuni giovani pensano che il satanismo sia qualcosa di bello, di simpatico, di affascinante. Credono di trovare nel demonio un alleato per risolvere i propri problemi di solitudine e incomunicabilità. E così si avvicinano al satanismo, senza accorgersi che stanno scherzando col fuoco.

L’interesse per il satanismo, proposto come soluzione immediata dei problemi quotidiani, rischia di causare danni enormi alla mente dei ragazzi. Può contribuire a creare una generazione di nuovi schiavi, stanchi della vita e intrappolati in una strada senza uscita.

L’approccio con ambienti diabolici può rappresentare un vero rischio. Partecipare ad un rito satanico significa spalancare le porte verso mondi davvero pericolosi. Si comincia per gioco, e non si sa mai dove si può arrivare.

Alcuni ragazzi hanno voglia di scherzare col fuoco. Credono che il culto del diavolo sia un fuoco non pericoloso, un fuoco simpatico, un fuoco che non brucia. E quindi, perché non toccarlo? Perché non provare?

A volte il satanismo giovanile rischia di essere favorito dall’interesse per un certo tipo di musica legata all’occulto, che rappresenta il primo passo verso un percorso devastante.

Si comincia, in genere, con l’acquisto del compact disc di un cantante. Il giovane, in un primo tempo, si limita semplicemente all’ascolto della sua musica. Il secondo passo è la conoscenza dei testi delle canzoni e l’approccio con una filosofia di vita fortemente nichilista.

Poi, per saperne di più, si passa alla ricerca su internet. Dalla semplice curiosità per i siti di certi cantanti si rischia di passare all’interesse per le pagine dedicate al satanismo o al mondo dell’occulto in genere.

L’ultimo passo può essere il contatto diretto del giovane con altri appassionati di satanismo, attraverso la posta elettronica.

Che cosa si può fare, concretamente, per non lasciarsi ingannare dai messaggi che giungono da certe correnti musicali? La soluzione sta nell’abituare i giovani al consumo critico.

I ragazzi non devono bere in modo passivo tutto ciò che dicono certi divi della musica. Dobbiamo aiutarli a riflettere, a capire, a rifiutare chi promuove la non-cultura del satanismo e del nichilismo.

Non bisogna lasciarsi intrappolare da certe orribili filosofie. Se un cantante promuove la violenza o la droga, non dobbiamo più comprare i suoi dischi. Rivolgiamo i nostri applausi a quegli artisti che comunicano messaggi positivi e in favore della vita. I buoni esempi non mancano. Basta cercarli.

È questa la strada da percorrere per cambiare gli equilibri del mercato discografico. Un mercato spesso spietato, che punta a fare soldi sulla pelle dei giovani.

Prima di acquistare un compact disc, impariamo a chiederci che tipo di ideologia c’è dietro e quali messaggi vorrebbe trasmetterci. Altrimenti certi cantanti satanici continueranno a fare il loro gioco (e quello del diavolo). Indisturbati.

About Carlo Climati

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione