Dona Adesso

Foto © CTV (Screenshot)

Il cordoglio di Papa Francesco per le tragedie in Giappone e in Francia

Il Pontefice, addolorato per la strage di disabili a Tokyo e l’attacco alla Chiesa di Saint-Étienne-du-Rouvray, prega per le vittime ed esprime vicinanza alle loro famiglie

Un doppio dolore per il cuore del Papa le due tragedie avvenute stamane a Rouen, in Normandia, nella Chiesa di Saint-Étienne-du-Rouvray dove un anziano sacerdote è morto sgozzato, e in Giappone, in un centro per disabili a Sagamihara, che ha visto la morte di 19 persone.

In un telegramma a firma del cardinale segretario di Stato Pietro Parolin, inviato all’arcivescovo di Tokyo Peter Takeo Okada, “Papa Francesco esprime la sua vicinanza a quanti sono stati colpiti da questa tragedia” perpetrata da un giovane 26enne, ex impiegato del centro poi licenziato a febbraio, e “assicura le sue preghiere per le vittime e la guarigione dei feriti”. “In questo momento difficile”, il Pontefice invoca quindi “la benedizione divina di pace e riconciliazione sulla nazione giapponese”.

Informato poi della presa di ostaggi nella chiesa di Saint-Étienne-du-Rouvray e della successiva morte del sacerdote padre Jaques Hamas, il Santo Padre si è detto “particolarmente turbato da questo atto di violenza che ha avuto luogo in una chiesa durante lo svolgimento di una Messa per implorare la pace di Dio per il mondo”.

In un messaggio all’arcivescovo di Rouen, mons. Dominique Lebrun, ha quindi assicurato “la sua vicinanza spirituale e la sua preghiera per la sofferenza delle famiglie, il dolore della parrocchia e della diocesi di Rouen”. Nel testo il Pontefice invoca poi Dio “perché accolga padre Jacques Hamel in pace” e affinché possa “ispirare a tutti pensieri di riconciliazione e fraternità in questa nuova prova”.

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione