Dona Adesso
Don Pino Puglisi

© Arcidiocesi Catanzaro-Squillace

Il card. Scola a Palermo, sulle orme di don Puglisi

Fino al 13 aprile l’arcivescovo di Milano è nel capoluogo siciliano insieme a 120 giovani preti ambrosiani per rendere omaggio al sacerdote ucciso dalla mafia

Da oggi fino a mercoledì, 13 aprile, l’Arcivescovo di Milano, il cardinale Angelo Scola, sarà a Palermo per guidare il pellegrinaggio di 120 giovani preti ambrosiani in Sicilia sulle orme del beato don Pino Puglisi, il sacerdote assassinato dalla mafia salito all’onore degli altari nel 2013.

Il programma prevede questa sera, nel duomo Cefalù, la celebrazione della Messa dell’Arcivescovo di Milano insieme a monsignor Vincenzo Manzella, vescovo di Cefalù; domani mattina, una meditazione, tenuta dallo stesso Cardinale, sul tema “Martirio oggi, uno sguardo ampio”.

Mercoledì la visita nel quartiere Brancaccio di Palermo sui luoghi dove si svolse l’impegno contro la mafia del sacerdote martire: la parrocchia di San Gaetano, dove don Puglisi si adoperò per sottrarre i giovani al reclutamento dei malavitosi; piazza Anita Garibaldi dove il 15 settembre 1993, giorno del suo 56esimo compleanno, venne ucciso davanti al portone di casa; il Centro di accoglienza Padre Nostro, da lui voluto e che oggi ha raccolto la sua eredità; il quartiere degradato “Stati Uniti”. 

Il pellegrinaggio continuerà fino a venerdì alla presenza del vicario generale mons. Mario Delpini. 

L’iniziativa è promossa dall’Ismi, l’Istituto sacerdotale Maria Immacolata ed è riservata ai sacerdoti ordinati tra il 2006 e il 2015.

Tra gli incontri più significativi che faranno i giovani sacerdoti ambrosiani in questo viaggio da citare quello con l’arcivescovo emerito di Monreale, monsignor Salvatore Di Cristina compagno di Seminario nonché collaboratore di padre Puglisi.

“Tutto ruoterà attorno alla figura di padre Puglisi e alla sua testimonianza di uomo e di prete ucciso dalla mafia, una cultura a cui il Vangelo era scomodo, la cui parabola di uomo e sacerdote mostra come anche in una terra piena di contraddizioni e di male può nascere una Chiesa e una figura di vero e proprio testimone del Signore”, precisa don Ivano Tagliabue del Vicario della Formazione permanente del clero.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione