Dona Adesso

Pixabay CC0 - Hans, Public Domain

Ho sete di Te

Ogni tua sete non può essere saziata da niente e da nessuno: “Assetati, venite all’Acqua. Io vi ristorerò”

Avevo circa tre anni circa. Mi hanno portato all’ospedale di San Dona’ per curare  una infezione intestinale. La causa: “Mangiavo sabbia”.

Ricordo il lettino bianco in una grande sala piena di tanti lettini come il mio.

La mia mamma mi ha affidato ad una infermiera e se ne è tornata a casa. Aveva altri frugoletti da accudire. Verso sera dentro di me nutrivo il grande, struggente desiderio di tornare a casa o di rivedere la mamma.

Lo ripetevo e lo facevo capire in tanti modi a tutti quelli che mi venivano vicini. Ma nessuno mi ascoltava, nessuno esaudiva la mia supplica.

Ho escogitato un mio ingenuo stratagemma per farmi arrivare la mamma: “Ho sete” e ripetevo soltanto “ho sete”… Ero certo che il bicchiere d’acqua me lo avrebbe portato la mamma.

Del resto a casa mi rivolgevo sempre a lei ed era solo lei ad offrirmelo con un sorriso di compiacenza e mai me lo faceva mai mancare. Ma. Ahimè, quella sera arrivava il bicchiere d’acqua, ma la mamma non veniva.

“Signora, il suo bambino ha pianto tutta la notte. Chiedeva da bere, ma non beveva e piangendo ripeteva “ho sete”.

Il mio bambino non beve se non è la mamma a dargli da bere. Il mio bambino lo conosco…Ad ogni necessità vuole sempre e solo la mamma. Più che del bicchiere d’acqua ha sete della mamma, vuole il sorriso della mamma.

Per ogni tuo desiderio ti auguro di essere incontentabile come me. Ogni tua sete non può essere saziata da niente e da nessuno: “Assetati, venite all’Acqua. Io vi ristorerò”.

Ciao da p. Andrea

Per richiedere copie dei libretti di padre Andrea Panont e per ogni approfondimento si può cliccare qui.

About Andrea Panont

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione