Dona Adesso

@Servizio Fotografico - L'Osservatore Romano

Esercizi Spirituali. P. Michelini: “Accettiamo che l’onnipotenza di Dio si arresti davanti alla libertà umana?”

Il predicatore ha fatto riflettere il Papa e la Curia Romana partendo dalla preghiera di Gesù sul monte degli Ulivi

C’è un nesso tra la preghiera che Gesù compie sul monte degli Ulivi e quella sul Tabor, in Galilea. Lo ha sottolineato ieri pomeriggio, 7 marzo 2017, padre Giulio Michelini ai partecipanti agli Esercizi Spirituali che si tengono nella Casa Divin Maestro di Ariccia, come ha riportato la Radio Vaticana.

Davanti al Papa e alla Curia Romana, il francescano ha spiegato che in entrambi i casi Gesù ha una situazione esistenziale provata (nel primo caso, perché Pietro e gli altri non hanno compreso il senso del primo annuncio di Gesù che aveva detto di dover morire a Gerusalemme; nel secondo, perché Gesù ha appena annunciato che qualcuno l’avrebbe consegnato). Inoltre ha spiegato che in tutte e due le occasioni Gesù chiama a sé i discepoli.

La differenza – ha osservato padre Michelini – consiste nel fatto che al Tabor si ode la voce del Padre che consola il figlio, mentre al Getsèmani è il figlio che si rivolge al Padre dicendo “sia fatta la sua volontà di bene”.

Allo stesso modo Gesù – rileva ancora il predicatore – esorta i suoi discepoli , mettendo in pratica lo Shemà (cf. D. Fortuna, Il Figlio dell’Ascolto), la preghiera di Israele, ad amare “Dio con tutto il cuore, le forze e fino a dare la vita”.

Di qui le domande finali che padre Michelini propone al Papa e alla Curia Romana. Come porsi dinanzi all’angoscia del prossimo? La volontà di Dio è vista come un obbligo o come la “santa volontà di bene”? E accetto che la forma in cui questa volontà si realizza sia condizionata, perché l’onnipotenza di Dio si arresta davanti alla libertà della sua creatura?

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione