Dona Adesso

Santa Scorese

In difesa delle donne. Un incontro a Velletri

Domani, l’appuntamento organizzato dal gruppo “Insieme”

Domani, venerdì 20 maggio, a Velletri, il gruppo “Insieme” ha organizzato il suo 14° incontro sul tema relativo alla concezione della donna nella società moderna e le disdicevoli vicende che riguardano la violenza sulle donne L’incontro, che si terrà nella Sala Parrocchiale di S. Salvatore, è stato proposto considerando la rilevanza del fenomeno.

Secondo i dati Istat, infatti, la violenza sulle donne è un fenomeno che riguarda il 30% delle appartenenti al sesso femminile. La domanda è: perché il ragazzo, il marito, un uomo uccide una ragazza, una donna, magari la sua fidanzata, la moglie, la madre dei suoi figli? La riflessione prenderà spunto da una storia vera: la morte di Santa Scorese, 23 anni, uccisa a Palo del Colle (Bari) da un ragazzo innamorato di lei ma mai ricambiato. A raccontare questa triste storia sarà la sorella Rosa Maria Scorese.

Per cercare di comprendere come il cervello di un uomo possa, ad un certo punto, pensare e mettere in pratica un omicidio, interverrà poi la dott.ssa Maria Grazia Centini Psicologa, psicoterapeuta e consulente tecnico del Tribunale Civile e Penale del Comune di Velletri.

La psicologa, attraverso una indagine dell’attività umana, proverà a spiegare quei fenomeni psichici,  al di fuori della sfera della coscienza umana, possano in certe condizioni originare azioni incontrollate. L’incontro servirà anche a riflettere sul rispetto o meno della società moderna nei confronti delle donne.

L’appuntamento avviene, inoltre, all’indomani del monito all’Italia di Rashida Manjoo, special rapporteur delle Nazioni Unite, che ha dichiarato che, nel nostro paese “sono stati fatti sforzi da parte del Governo, ma questi risultati non hanno portato a una diminuzione di femminicidi o sono stati tradotti in un miglioramento della condizione di vita delle donne e delle bambine”. L’incontro è aperto a tutti.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione