Dona Adesso

Tempio Votivo, Maipu / Wikimedia Commons - Columna, CC BY-SA 3.0

Cile: delegazione vaticana ha concluso la sua visita

L’ex aerodromo di Los Cerrillos, il Parco “O’Higgins” o il Club Ippico potrebbero ospitare la Messa con il Papa a Santiago

La delegazione vaticana che nei giorni scorsi ha visitato i vari luoghi selezionati per ospitare gli eventi con papa Francesco durante il suo viaggio in Cile, ha concluso ieri, mercoledì 26 luglio 2017, il suo lavoro nel Paese.

Il Pontefice visiterà in piena estate australe, dal 15 al 18 gennaio prossimi, il Cile, per poi continuare il suo viaggio apostolico in Perù, dove rimarrà fino al 21 gennaio 2018.

Le città dove Jorge Bergoglio farà tappa in Cile sono la capitale Santiago, poi Temuco, nel centro sud, ed infine Iquique, che si trova vicino al confine con la Bolivia e il Perú. In ciascuna di queste tre città celebrerà una Messa, alla quale parteciperanno migliaia di fedeli.

Per quanto riguarda la capitale Santiago tre sono le località che potrebbero ospitare un tale evento di massa: il Parco “O’Higgins”, il Club Ippico e il Parco “Bicentenario” (ex aerodromo di Los Cerrillos). A riferirlo è il quotidiano “La Tercera” (26 luglio),  

Il Parco “O’Higgins” fu già usato in occasione della visita di papa Giovanni Paolo II nel 1987 per la beatificazione di Teresa di Gesù delle Andi. La cerimonia fu allora turbata da gravi scontri tra forze dell’ordine e dimostranti contro il regime di Pinochet.

La delegazione vaticana era composta da sei esperti sotto la guida dell’ispettore generale del corpo della Gendarmeria, Domenico Giani. Il gruppo ha visitato anche la cattedrale di Santiago e il Tempio Votivo di Maipú.

Mentre il programma definitivo non è ancora stato pubblicato, non si esclude che il Papa visiterà il “Piccolo Cottolengo” per bambini abbandonati a Los Cerrillos, del resto vicino al Parco “Bicentenario”, uno spazio pubblico di 245 ettari allestito sui terreni dell’aerodromo di Los Cerrillos.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione