Dona Adesso

Porziuncula / Wikimedia Commons - Georges Jansoone, CC BY-SA 3.0

Assisi: Parolin presiederà la chiusura del Giubileo del Perdono

Il 4 agosto scorso, due giorni dopo l’apertura, il Papa aveva visitato privatamente la città umbra

Il cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, presiederà il 2 agosto prossimo, alle ore 11, alla Porziuncula la solenne celebrazione di chiusura del Giubileo dell’VIII Centenario del Perdono di Assisi. Lo ha annunciato l’ufficio Stampa dei Frati Minori di Assisi.

Due giorni dopo l’apertura del Giubileo da parte del cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, papa Francesco si era recato il 4 agosto scorso privatamente in pellegrinaggio alla Porziuncula. La chiesetta si trova all’interno della grande Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli.

Le celebrazioni di chiusura saranno precedute da un Triduo di preparazione predicato dai Ministri generali dei tre Ordini maschili della famiglia francescana.

Il 1° agosto, sempre alle ore 11, il ministro generale dei Frati Minori, padre Michael A. Perry, presiederà l’apertura annuale del Perdono. Da mezzogiorno del 1° agosto fino alla mezzanotte del 2 agosto i pellegrini che si recano ad Assisi ricevono l’indulgenza plenaria, che si estende a tutte le chiese parrocchiali e chiese francescane del mondo. San Francesco ricevette il privilegio da papa Onorio III nel 1216.

I Primi vespri saranno presieduti nel pomeriggio dal vescovo di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino, mons. Domenico Sorrentino. A guidare la veglia di preghiera serale, con fiaccolata, sarà il segretario della Congregazione degli Istituti di Vita Consacrata, padre José Rodriguez Carballo OFM.

Un concerto della Banda della Gendarmeria Vaticana, seguito da uno spettacolo pirotecnico in piazza Porziuncola, concluderà il 2 agosto in serata le celebrazioni.

Cliccare qui per leggere il programma completo.

About Marina Droujinina

Giornalismo (Mosca & Bruxelles). Teologia (Bruxelles, IET).

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione