Dona Adesso

"Amoris Laetitia" / ZENIT - HSM, CC BY-NC-SA

“Per vivere l’Amoris laetitia”. Un libro del card. Ennio Antonelli

Un agile volume, edito da Ares, denso di consigli per aiutare gli sposi e i sacerdoti e gli operatori pastorali ad accompagnare le famiglie, anche quelle di divorziati

 

Il cardinale Ennio Antonelli, già presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, ha raccolto in un agile volume, edito da Ares, alcuni spunti di discernimento pratico dell’Esortazione apostolica di Papa Francesco “Amoris Laetitia”. Si tratta di un compendio denso di consigli per aiutare gli sposi a vivere nella stessa fedeltà d’amore di Dio; e per aiutare i sacerdoti e gli operatori della pastorale famigliare ad accompagnare gli sposi, anche divorziati, con uno sguardo di misericordia attento alla verità della vita proposta da Gesù nel Vangelo.  Un libro scritto nella convinzione che l’attuale crisi sociale potrà essere superata solamente ripartendo dalla famiglia, cenacolo originario di amore autentico, convivenza pacifica, perdono e sostegno reciproco per il bene comune.

La prefazione è a cura del cardinale Dionigi Tettamanzi, che scrive: “L’amore umano sembra sfidato dalla proposta evangelica a diventare sempre più segno luminoso dell’amore del Signore Gesù verso la Chiesa e l’umanità. Si tratta di un amore eterno e forte, che supera le capacità umane giungendo a dare la vita e che proprio per questo ha bisogno di essere quotidianamente ‘educato’ e incoraggiato senza sosta, con pazienza e tenacia”.

Ennio Antonelli (Todi 1936), dal 2008 al 2012 ha presieduto il Pontificio Consiglio per la Famiglia. Creato cardinale da Giovanni Paolo II, stretto collaboratore anche di Benedetto XVI e Papa Francesco. Teologo e scrittore, è stato, negli anni, vescovo di Gubbio, arcivescovo di Perugia e di Firenze. Con le Edizioni Ares ha già pubblicato Crisi del Matrimonio & Eucaristia e Visibilità dell’Invisibile, una profonda analisi storica e teologica sulla presenza di Dio nella Storia.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione