Dona Adesso
Christmas tree

Albero, Piazza San Pietro / © ZENIT - HSM, CC BY-NC-SA

Natale 2017: abete polacco e presepe napoletano

Verranno inaugurati il 7 dicembre prossimo

Il Natale 2017 in Piazza San Pietro sarà un connubio tra la Polonia e l’Italia. L’albero di Natale verrà infatti dalla patria di san Giovanni Paolo II, mentre il presepe sarà “italianissimo”, anzi napoletano. Ad offrirlo sarà l’abbazia territoriale di Montevergine, in provincia di Benevento (Regione Campania). E’ quanto si legge in un comunicato diffuso oggi, mercoledì 25 ottobre 2017, dal Governatorato dello Stato della Città del Vaticano.

Verranno inaugurati il 7 dicembre prossimo, alle ore 16.30. Nella mattinata due delegazioni — una proveniente dalla Campania, l’altra dalla Polonia — saranno accolte in udienza dal Pontefice, insieme ai bambini che hanno realizzato gli addobbi.

Come negli anni precedenti, si tratta di piccoli pazienti in cura presso i reparti oncologici di alcuni ospedali italiani, che hanno partecipato ad un programma di ceramico-terapia ricreativa organizzato e gestito dalla Fondazione contessa Lene Thun onlus. Quest’anno sono stati coinvolti anche bambini provenienti dalle zone terremotate dell’Italia Centrale, appartenenti all’arcidiocesi di Spoleto-Norcia.

Il presepe, con una superficie di quasi ottanta metri quadri e alto 7 metri, sarà in stile settecentesco ed ispirato sulle opere della misericordia. Avrà una ventina di figure in terracotta policroma — almeno per quanto riguarda le teste e gli arti –, alte circa due metri.

L’albero — più correttamente: l’abete rosso — invece verrà offerto dall’arcidiocesi di Ełk, nella Polonia nord-orientale. Ha una circonferenza di circa dieci metri alla base ed è alto ben 28 metri. Per raggiungere la Città Eterna il gigante compirà un viaggio di più di 2mila chilometri attraverso l’Europa Centrale, così ricorda la nota vaticana.

L’albero e il presepe rimarranno illuminati fino al 7 gennaio 2018, festa del Battesimo del Signore, celebrata la domenica dopo l’Epifania. (pdm)

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione