Dona Adesso

Udienza generale, 25 ottobre 2017 / © PHOTO.VA - OSSERVATORE ROMANO

Messaggio del Papa ai visitatori di lingua araba

Udienza generale di mercoledì 25 ottobre 2017

Salutando “cordialmente” i pellegrini di lingua araba, specialmente quelli provenienti dall’Iraq, dalla Giordania e dalla Terra Santa, il papa Francesco ha ripreso il filo conduttore della sua catechesi di oggi, mercoledì 25 ottobre 2017, e ha ricordato ai presenti che “il paradiso è la meta e l’obiettivo della nostra esistenza”.

Il paradiso, così ha spiegato il Pontefice, le cui parole sono state tradotte in arabo dal suo segretario egiziano, mons. Yoannis Lahzi Gaid, è “il dono che Dio ci offre, non per i nostri meriti, ma per l’immensità della Sua misericordia e del Suo amore infinito”.

Usando un’immagine molto bella e profonda, Francesco ha descritto il paradiso come “l’abbraccio del Padre”, che — come nella parabola del Figliol prodigo, particolarmente cara al Pontefice — “ci attende per concederci il Suo perdono e per ridonarci la nostra dignità che abbiamo perduto a causa dei nostri peccati e del nostro allontanarci da Lui”.

“Il Signore vi benedica e vi protegga sempre dal maligno!”, così ha concluso.

About Paul De Maeyer

Schoten, Belgio  (1958). Laurea in Storia antica / Baccalaureato in Filosofia / Baccalaureato in Storia e Letteratura di Bisanzio e delle Chiese Orientali.

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione