Dona Adesso

Foto Aiuto alla Chiesa che Soffre

Londra: il card. Baldisseri pianista d’eccezione per i cristiani perseguitati

I proventi dello spettacolo al St. Wilfrid Hall sono andati ai progetti di Aiuto alla Chiesa che Soffre in Iraq e Siria

Una performance musicale e una messa per sensibilizzare gli inglesi sul tema dei cristiani perseguitati in Medio Oriente e raccogliere fondi per loro. L’iniziativa è di Aiuto alla Chiesa che Soffre e il protagonista è il cardinale Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei Vescovi.

Grande appassionato di musica classica e discreto pianista, il porporato si è esibito al St. Wilfrid Hall di Londra, dopo aver presieduto messa domenica scorsa al London Oratory.

Le offerte raccolte alla celebrazione eucaristica e i proventi del concerto sono andati ai progetti di Aiuto alla Chiesa che Soffre in Iraq e in Siria.

Allo spettacolo, ospitato dalla principessa Gloria Thurn und Taxis, il cardinale Baldisseri si è esibito davanti a circa 150 persone, tra cui il cardinale Murphy O’ Connor e il nunzio apostolico a Londra, monsignor Antonio Mennini.

Al termine dell’evento, il direttore britannico di Aiuto alla Chiesa che Soffre, Neville Kyrke-Smith ha ringraziato l’organizzatore della serata, padre Julian Large e il parroco del London Oratory che in un anno ha raccolto 60mila sterline per i progetti mediorientali di Aiuto alla Chiesa che Soffre.

“I bisogni sono enormi in tutto il Medio Oriente – ha detto Kyrke-Smith – e noi possiamo solo ringraziare i nostri donatori a titolo personale, le parrocchie e alcune fondazioni private”.

“Siamo chiamati a fare tutto ciò che possiamo per continuare a sostenere i nostri fratelli e sorelle nella nostra patria di fede – ha proseguito – e molti mi hanno detto che in Medio Oriente non ci può essere pace, se mancano i cristiani, che sono costruttori di ponti”.

“Continuate quindi a pregare, ad informare gli altri e a sostenere la fede e la speranza attraverso la carità”, ha poi concluso.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione