Dona Adesso

Attentato Monaco 22/7/2016 (Twitter)

La preghiera del Papa per le vittime di Monaco e Kabul

All’Angelus Francesco esorta i fedeli a non scoraggiarsi per le ultime tragedie. Poi invia un telegramma di cordoglio all’arcivescovo di Monaco e su Instagram tuona: “Non più terrorismo! È una strada senza uscita!”

A conclusione dell’Angelus, papa Francesco ha rivolto un pensiero e una preghiera alle vittime dei più recenti attacchi terroristici. “In queste ore il nostro animo è ancora una volta scosso da tristi notizie relative a deplorevoli atti di terrorismo e di violenza, che hanno causato dolore e morte – ha detto il Santo Padre -. Penso ai drammatici eventi di Monaco in Germania e di Kabul in Afghanistan, dove hanno perso la vita numerose persone innocenti”.

Il Pontefice si è detto “vicino ai familiari delle vittime e ai feriti” ed ha invitato i fedeli ad unirsi alla sua preghiera, “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di bene e di fraternità”. “Quanto più sembrano insormontabili le difficoltà e oscure le prospettive di sicurezza e di pace, tanto più insistente deve farsi la nostra preghiera”, ha poi concluso.

Nel frattempo, in mattinata, Bergoglio ha recapitato un telegramma di cordoglio al cordoglio al cardinale arcivescovo di Monaco-Frisinga, Reinhard Marx, in cui il Santo Padre, appresa “con costernazione” la “terribile notizia” dell’attentato e sottolineandovi la presenza di molti giovani tra le vittime, “partecipa al dolore dei sopravvissuti ed esprime loro la sua vicinanza nella sofferenza”.

Affidando “nella preghiera i defunti alla misericordia di Dio”, il Pontefice “manifesta la sua profonda partecipazione a tutti coloro che sono stati colpiti da questo attentato, e ringrazia le Forze di Soccorso e dell’Ordine per il loro impegno attento e generoso”.

In un messaggio dal suo account su Instagram @Franciscus, infine, il Santo Padre scrive: “Prego per tutte le vittime del terrorismo nel mondo. Per favore, non più terrorismo! È una strada senza uscita!”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione