Dona Adesso

Viaggio Apostolico in Romania: Visita alla Cattedrale di Santa Maria Regina a Iasi - Foto © Servizio Fotografico - Vatican Media

Italia: Rinuncia del Vescovo di Imola

Nomina del successore: Rev.do Giovanni Mosciatti

Il Santo Padre Francesco ha accettato la rinuncia al governo pastorale della diocesi di Imola (Italia), presentata da S.E. Mons. Tommaso Ghirelli. Il Papa ha nominato Vescovo della diocesi di Imola (Italia), il Rev.do Giovanni Mosciatti, del clero della diocesi di Fabriano-Matelica, finora Parroco della parrocchia di San Facondino, in Sassoferrato.

Rev.do Giovanni Mosciatti
Il Rev.do Giovanni Mosciatti è nato a Matelica, provincia di Macerata, il 23 gennaio 1958. Ha svolto gli studi superiori a Matelica e ha seguito per alcuni anni i corsi alla Facoltà di Agraria a Perugia, dove, come simpatizzante di Comunione e Liberazione e come alunno dell’Almo Collegio Capranica, nel 1981, ha frequentato l’Università Gregoriana, conseguendo il baccalaureato in Teologia. È stato ordinato sacerdote il 6 dicembre 1986 per la diocesi di Fabriano-Matelica. È stato Vicario nella parrocchia della Misericordia a Fabriano dal 1987 al 1988; Parroco nelle parrocchie associate di Melano, Cupo e Bastia dal 1988 al 1997; Parroco della parrocchia di San Nicolò a Fabriano dal 1997 al 2003. Dal 2003 al 2012 è stato Direttore dell’Ufficio di Pastorale giovanile e vocazionale; dal 2007 al 2012 è stato Rettore del Seminario Vescovile di FabrianoMatelica; dal 2009 è Vice Direttore dell’Ufficio Scuola I.R.C. e Direttore della Pastorale Vocazionale. Dal 2012 è Parroco della parrocchia di San Facondino, in Sassoferrato. È Canonico della Cattedrale di Fabriano, Membro del Consiglio Presbiterale e della Commissione diocesana per il Diaconato Permanente; Assistente spirituale della Fraternità di Comunione e Liberazione nelle Regioni di Marche e di Umbria; Insegnante di Religione in alcune scuole superiori, tra cui il Liceo Scientifico “Vito Volterra” di Fabriano.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione