Dona Adesso

Welby: “Immagini e storie migranti spezzano il cuore. Non voltiamo le spalle”

L’arcivescovo anglicano plaude al “ruolo positivo” di chiese, associazioni e agenzie in Europa e Medio Oriente e all’impegno del governo anglicano per la crisi siriana

“Non possiamo voltare le spalle a questa crisi. Dobbiamo rispondere con compassione”. Sono parole intrise di dolore quelle pronunciate dall’arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, sulla sempre più drammatica situazione dei migranti che stanno cercando rifugio in Europa. Il leader spirituale della Comunione anglicana – informa il Sir – confessa alla stampa: “Questa è una crisi estremamente complessa e terribile che sottolinea la nostra fragilità umana e la fragilità dei nostri sistemi politici. Il mio cuore è spezzato dalle immagini e dalle storie di uomini, donne e bambini che hanno rischiato la vita per sfuggire conflitti, violenze e persecuzioni”.

“Non ci sono risposte facili e le mie preghiere sono per coloro che si trovano in fuga dalle persecuzioni, così come per coloro che stanno lottando sotto una pressione immensa per trovare una risposta efficace ed equa”, prosegue Welby. “Ora, forse più che mai in Europa del dopoguerra, abbiamo bisogno di impegnarci per un’azione congiunta in tutta Europa, riconoscendo la nostra responsabilità comune e la nostra comune umanità”. Secondo l’arcivescovo, “come cristiani crediamo che siamo chiamati ad abbattere le barriere, ad accogliere lo straniero e ad amarlo come noi stessi”. La preoccupazione per il destino dei profughi aumenta con l’inverno che “si avvicina velocemente” e con “la tragica spirale della guerra civile in Siria ulteriormente fuori controllo”.  

Rimarcando che “dobbiamo tutti essere consapevoli che la situazione potrebbe ancora peggiorare in modo significativo”, l’arcivescovo anglicano plaude al “ruolo positivo” che le chiese, le associazioni e le agenzie internazionali stanno svolgendo in tutta Europa, in Siria e nelle zone circostanti, per far fronte alle esigenze umanitarie. E si congratula anche “con il governo britannico per il suo forte impegno”: “Ha mostrato una leadership globale – afferma -, fornendo 900 milioni di sterline dal 2012 per la crisi in Siria. E ha anche dimostrato una leadership morale nell’usare navi della Royal Navy per salvare centinaia di vite umane nel Mediterraneo”.

Infine, nell’assicurare la massima disponibilità delle Chiese a collaborare, il capo della Comunione anglicana ricorda che “gli abitanti di queste isole hanno una lunga e meravigliosa storia nell’offrire riparo e rifugio”. Un impegno ad aprire le braccia all’accoglienza dei popoli in difficoltà che anche oggi deve ripetersi.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione