Dona Adesso

Cartagena, angelus, 10 settembre 2017 / © PHOTO.VA - OSSERVATORE ROMANO

Venezuela: respingere ogni tipo di violenza, appello del Papa

Parole dopo l’Angelus a Cartagena — Testo integrale

“Faccio appello affinché si respinga ogni tipo di violenza nella vita politica e si trovi una soluzione alla grave crisi che si sta vivendo.” Questa l’esortazione lanciata dalla Colombia per il vicino Venezuela da papa Francesco in occasione dell’Angelus di domenica 10 settembre 2017. Cartagena dista circa 150 chilometri dal confine con il Venezuela.

Il Pontefice ha evocato la situazione nel Paese al termine della preghiera mariana, recitata davanti alla chiesa di san Pietro Claver a Cartagena. La città sul Mar dei Caraibi, dichiarata “Patrimonio nazionale della Colombia” nel 1959 e poi patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 1984, è l’ultima tappa del suo viaggio apostolico in Colombia. (pdm)

Riportiamo la traduzione ufficiale delle parole del Papa.

***

Cari fratelli e sorelle,

da questa località, desidero assicurare la mia preghiera per ciascuno dei Paesi dell’America Latina, e in modo speciale per il vicino Venezuela. Esprimo la mia vicinanza ad ognuno dei figli e delle figlie di quella amata nazione, come pure a coloro che hanno trovato in questa terra colombiana un luogo di accoglienza. Da questa città, sede dei diritti umani, faccio appello affinché si respinga ogni tipo di violenza nella vita politica e si trovi una soluzione alla grave crisi che si sta vivendo e che tocca tutti, specialmente i più poveri e svantaggiati della società. La Vergine Santissima interceda per tutte le necessità del mondo e di ciascuno dei suoi figli.

Saluto anche voi qui presenti, venuti da diversi luoghi, come pure quanti seguono questa visita mediante la radio e la televisione. A tutti auguro una buona domenica. Per favore, non dimenticatevi di pregare per me.

E adesso vorrei darvi la benedizione. Ognuno di noi, prima di ricevere la benedizione, in un momento di silenzio, metta nel proprio cuore i nomi delle persone che più amiamo, e anche i nomi delle persone che non amiamo; i nomi delle persone che ci vogliono bene, e i nomi delle persone che sappiamo che non ci vogliono bene; per tutti e per ognuno chiediamo la benedizione, per tutti.

[preghiera silenziosa]

[Benedizione]

© Copyright – Libreria Editrice Vaticana

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione