Dona Adesso
Venezuela flag

Venezuela flag - Wikimedia Commons

Venezuela: Governo confisca medicine e alimenti donati alla Caritas

Appello dei vescovi ad evitare la politicizzazione degli aiuti umanitari e inserire il tema nell’agenda di dialogo in corso tra Governo e opposizione

“Caritas Venezuela, da luglio 2016, ha monitorato ed eseguito ogni procedura prevista dalla legge per il ritiro della donazione ricevuta”. Con queste parole, la Commissione di Giustizia e Pace della Conferenza episcopale venezuelana contesta, in un comunicato, la disposizione del Governo di confiscare un carico di medicinali e supplementi alimentari donati all’istituzione religiosa per presunte irregolarità burocratiche.

La settimana scorsa – spiega l’agenzia Fides – il Servizio nazionale d’Amministrazione tributaria e doganale (Seniat), ha pubblicato nell’account di Twitter, che il carico indirizzato a Caritas Venezuela era stato dichiarato irricevibile per non avere presentato la documentazione richiesta entro i 30 giorni previsti dalla normativa. E aggiunge che “la dogana principale de La Guaira ha aggiudicato la merce all’Istituto Venezuelano dei Servizi Sociali (Ivss)”

Il comunicato della Commissione episcopale spiega che il 5 agosto 2016 ha riferito al Seniat (Servizio di amministrazione tributaria e doganale) e alle autorità del Ministero della Sanità l’imminente arrivo di un container con 525 scatole di medicinali e 92 scatole di supplementi alimentari. D’allora sono iniziati le procedure per la documentazione ed i permessi richiesti per l’ingresso della merce che  è arrivata il  23 agosto al Porto principale de La Guaira. “Abbiano agito nel rispetto della legge – si legge nel comunicato-, abbiamo seguito le normative e ascoltato ogni raccomandazione affinché il ritiro della donazione proveniente da Caritas Cile potesse arrivare a buon fine”.

Il comunicato dei vescovi invita i cittadini, i funzionari, gli osservatori e le Ong a sollecitare ancora una volta allo Stato di facilitare l’ingresso di medicinali e di alimenti provenienti dalla cooperazione solidaria di altri Paesi. I vescovi chiedono ai leader nazionali di evitare di “politicizzare il tema” degli aiuti umanitari e di “agire a favore di chi soffre senza distinzioni di colore o di partito politico”.

In questo contesto la Commissione episcopale chiama il governo a cercare soluzioni tempestive alle difficoltà generate dalla carenza di alimenti e di medicine. Anche la raccomandazione dei vescovi all’Ivss “di dare buon uso e distribuire in maniera equa i medicinali donati a questa istituzione fiduciosi del loro buon servizio”

Infine, il comunicato dei vescovi ha chiesto nuovamente di inserire il tema degli aiuti umanitari o “canali di solidarietà” nella agenda del dialogo in corso tra Governo e opposizione con la facilitazione del rappresentante della Santa Sede e altri leader politici internazionali. Il dialogo è iniziato lo scorso 30 ottobre e il prossimo appuntamento è previsto per il 6 dicembre.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione