Dona Adesso

Venezia ricorda Roncalli

A 50 anni dalla morte, alcuni appuntamenti, lunedì 3 giugno, a S. Marco con Moraglia, Marchetto e Ferme ricordano il “Papa buono”

“Santo Padre, attorno al vostro letto ci sono poche persone, ma se vedeste la piazza… Quando sente queste mie parole, il Papa apre gli occhi, mi guarda e dice: E’ naturale che sia così, è il Papa che muore. Io li amo e loro mi amano”. Il breve dialogo in punto di morte accadeva in Vaticano, nella stanza da letto del Pontefice, il 3 giugno del 1963, giorno della morte di Giovanni XXII. Furono Papa Roncalli e il suo segretario, mons. Loris Capovilla, a scambiarsi tali parole che quest’ultimo mantiene bene impresse nella memoria e che ha voluto rievocare, nei giorni scorsi, attraverso le pagine del settimanale diocesano Gente Veneta.

E’ passato mezzo secolo da allora e il ricordo di Papa Giovanni è ancora vivissimo, in particolare a Venezia, dove fu Patriarca per cinque anni, dal 1953 al 1958. Lo attesta anche l’iniziativa che la Diocesi proporrà, esattamente il 3 giugno prossimo, per fare memoria del suo grande Patriarca e poi Pontefice e guida della Chiesa universale.

Due momenti distinti ma ben collegati, nel segno del ricordo e della preghiera, per dire tutta l’attualità di Angelo Giuseppe Roncalli, Patriarca e Papa. E’ questo, infatti, il senso dell’iniziativa promossa dalla Diocesi di Venezia e dallo Studium Generale Marcianum per ricordare il beato Roncalli a 50 anni esatti dalla morte.

Lunedì 3 giugno, nella basilica cattedrale di San Marco, alle ore 17.00, si terrà un atto accademico, che prevede l’introduzione di mons. Brian Edwin Ferme, preside della facoltà di Diritto canonico del Marcianum, e la riflessione di mons. Agostino Marchetto, l’arcivescovo vicentino che ha dedicato numerosi studi e pubblicazioni al Concilio Vaticano II, su “Papa Giovanni e il Concilio”. Concluderà questo momento l’intervento del Patriarca mons. Francesco Moraglia che presiederà poi, alle 18.30, una liturgia eucaristica nel ricordo di Papa Roncalli scomparso mezzo secolo fa.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione