Dona Adesso

Venezia ricorda il cardinale Cè

Domani la presentazione della biografia del patriarca emerito. Martedì la messa di suffragio in San Marco, nel primo anniversario della scomparsa

Sono tuttora vivissimi a Venezia il ricordo e l’affetto nei confronti del Patriarca emerito card. Marco Cè di cui ricorre, in questi giorni, il primo anniversario della morte. La sua figura è, infatti, profondamente rimasta nel cuore della città e della diocesi che l’hanno avuto come pastore per ben 23 anni (dal 1979 al 2002) continuando poi a godere del suo servizio di guida spirituale anche negli ultimi 12 anni di vita. Due sono gli importanti appuntamenti che la Diocesi di Venezia ha preparato in sua memoria.

Giovedì 7 maggio, alle ore 18, nel Duomo di San Lorenzo a Mestre, sarà presentato il libro Marco, Patriarca amato da tutti, edito dal Cid e curato dal settimanale diocesano Gente Veneta; sarà presente il Patriarca Francesco Moraglia ed interverranno alcuni “testimoni” che racconteranno i tratti belli, tipici e indelebili che hanno caratterizzato il cardinale Cè di cui saranno proiettati anche alcuni filmati.

Il volume riporta discorsi, meditazioni e interviste, un testo inedito (le sue riflessioni per l’apertura della Casa diocesana di spiritualità a Cavallino) fino all’ultimo scritto sulla vecchiaia redatto poche settimane prima di morire; ci sono poi i ricordi e gli episodi narrati da mons. Valerio Comin, segretario particolare in tutti gli anni veneziani.

Ricca è la parte fotografica e ripercorre l’intera vita di Marco Cè che nacque a Izano (diocesi e provincia di Crema) nel 1925 e divenne sacerdote nel 1948; dopo molti anni come vicerettore e rettore del Seminario cremasco, nel 1970 divenne vescovo ausiliare di Bologna e nel 1976 assistente nazionale dell’Azione cattolica prima di passare a Venezia dove è, infine, morto il 12 maggio 2014.

Le sue spoglie sono custodite nella cripta della cattedrale veneziana e proprio a San Marco martedì 12 maggio (giorno esatto del primo anniversario della morte), alle ore 18.30, sarà celebrata la messa solenne di suffragio presieduta dal Patriarca Francesco insieme ad alcuni vescovi della Conferenza Episcopale Triveneto che Cè guidò per 23 anni (e per 10 fu anche vicepresidente della Cei).

“Vogliamo tenere desta la sua bella figura – aveva annunciato mons. Moraglia la mattina del Giovedì Santo – con dei piccoli segni che, se il Signore vorrà, diventeranno anche grandi segni. Ho proposto che si apra in Seminario un “fondo”, un archivio, a lui dedicato. Fin d’ora chiedo che chi ha del materiale riguardante il Cardinale, evidentemente non di carattere privato, lo faccia convergere in questo fondo; sarà, infatti, utile avere tanti dati ed elementi storici. E poi, tenendo desta la sua figura, intendiamo anche offrirlo – se il Signore vorrà – come esempio”. 

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione