Dona Adesso

“Vedere per curare, accompagnare per amare”

Il 7 marzo un convegno al Policlinico Agostino Gemelli per ribadire il messaggio di Chiara Corbella Petrillo: “Siamo nati e non moriremo mai più”

Il sottotitolo dell’incontro, “Siamo nati e non moriremo mai più”, riprende una frase di Chiara Corbella Petrillo, la giovane mamma morta di tumore a 28 anni due anni fa, che ha scelto di rimandare le cure mediche pur di far nascere suo figlio. L’incontro si svolgerà il 7 marzo, dalle ore 8.30, presso l’Aula Brasca del Policlinico Agostino Gemelli.

Nel corso dell’incontro si spiegherà e si approfondiranno i temi relativi all’uso della nuove tecnologie e conoscenze per la vita nascente. Le cure palliative, l’accompagnamento al feto terminale e il significato degli Hospice Perinatali, mediante interventi di esperti del settore e testimonianze di vite salvate e casi rilevanti.

Promotori del Convegno sono le associazioni Notizie Pro Vita e La Quercia Millenaria, in collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore, il Policlinico Universitario Agostino Gemelli, il Dipartimento per la tutela della Donna e della Vita Nascente, del Bambinio e dell’Adolescente, l’Associazione Italiana Ginecologi Ostetrici Cattolici (A.I.G.O.C.), il Centro Studi per la tutela della Salute della Madre e del Concepito”.

Tra i relatori il dott. Giuseppe Noia, presidente dell’(A.I.G.O.C.), promotore e organizzatore del Convegno, che intervistato da ZENIT ha affermato: “Vogliamo onorare la memoria di Chiara Corbella. Intendiamo vedere per curare e curare per amare”.

“L’informazione – ha precisato Noia – soprattutto quando non è favorevole, non può essere strumento per discriminare i malati, al contrario diventa conoscenza e consapevolezza per . alzare il livello dell’impegno, dell’amore, della cura, del servizio a favore della vita”.  

Da giovane studente, il dott. Giuseppe Noia, ‘Pino’ per gli amici, aspirava ardentemente a diventare cardiologo e per molto tempo non ha capito perché il destino lo ha portato a diventare invece un ginecologo.

Poi, però, un giorno ha ricevuto una illuminazione: aveva chiesto al Signore di curare i cuori e il Signore lo ha esaudito. Diventando ginecologo ha curato e salvato molti più cuori di quanto avrebbe potuto fare da cardiologo. Ha assistito e favorito più di 6.660 parti, e per ogni bambino nato ha salvato tre cuori: quello della mamma, del papà e del figliolo.

*

Per partecipare al convegno e per maggiori informazioni:

SEGRETERIA SCIENTIFICA:

Dr.ssa Federica Mancinelli Tel. 06/30156583

federica.mancinelli@rm.unicatt.it

SEGRETERIA ORGANIZZATIVA:

Dr.ssa Eleonora Lisi – Sig.ra Barbara Costa

segreteria@aigoc.it Tel 06/6629537

Dr. Marco D’Errico – Dr.ssa Maria Riccardi

Dr.ssa Annalisa Giona, Dr.ssa Chiara Reverberi

About Antonio Gaspari

Cascia (PG) Italia Studi universitari a Torino facoltà di Scienze Politiche. Nel 1998 Premio della Fondazione Vittoria Quarenghi con la motivazione di «Aver contribuito alla diffusione della cultura della vita». Il 16 novembre del 2006 ho ricevuto il premio internazionale “Padre Pio di Pietrelcina” per la “Indiscutibile professionalità e per la capacità discreta di fare cultura”. Il Messaggero, Il Foglio, Avvenire, Il Giornale del Popolo (Lugano), La Razon, Rai tre, Rai due, Tempi, Il Timone, Inside the Vatican, Si alla Vita, XXI Secolo Scienza e Tecnologia, Mondo e Missione, Sacerdos, Greenwatchnews. 1991 «L'imbroglio ecologico- non ci sono limiti allo sviluppo» (edizioni Vita Nuova) . 1992  «Il Buco d'ozono catastrofe o speculazione?» (edizioni Vita Nuova). 1993 «Il lato oscuro del movimento animalista» (edizioni Vita Nuova). 1998 «Los Judios, Pio XII Y la leyenda Negra» Pubblicato da Planeta in Spagna. 1999 «Nascosti in convento» (Ancora 1999). 1999 insieme a Roberto Irsuti il volume: «Troppo caldo o troppo freddo? - la favola del riscaldamento del pianeta» (21mo Secolo). 2000 “Da Malthus al razzismo verde. La vera storia del movimento per il controllo delle nascite” (21mo Secolo, Roma 2000). 2001 «Gli ebrei salvati da Pio XII» (Logos Press). 2002 ho pubblicato tre saggi nei volumi «Global Report- lo stato del pianeta tra preoccupazione etiche e miti ambientalisti» (21mo Secolo, Roma 2002). 2002 ho pubblicato un saggio nel nel Working Paper n.78 del Centro di Metodologia delle scienze sociali della LUISS (Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli di Roma) «Scienza e leggenda, l’informazione scientifica snobbata dai media». 2003 insieme a VittorFranco Pisano il volume “Da Seattle all’ecoterrorismo” (21mo Secolo, Roma 2003). 2004 ho pubblicato insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti” (Edizioni Piemme). 2004 coautore con del libro  “Emergenza demografia. Troppi? Pochi? O mal distribuiti?” (Rubbettino editore). 2004 coautore con altri del libro “Biotecnologie, i vantaggi per la salute e per l’ambiente” ((21mo Secolo, Roma 2004). 2006 insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti 2” (Edizioni Piemme). 2008 insieme a Riccardo Cascioli il libro “Che tempo farà… Falsi allarmismi e menzogne sul clima (Piemme). 2008, è stata pubblicata l’edizione giapponese de “Le bugie degli ambientalisti” edizioni Yosensha. 2009. insieme a Riccardo Cascioli “I padroni del Pianeta – le bugie degli ambientalisti su incremento demografico, sviluppo globale e risorse disponibili” (Piemme). 2010 insieme a Riccardo Cascioli, è stato pubblicato il volume “2012. Catastrofismo e fine dei tempi” (Piemme). 2011 Questo volume è stato pubblicato anche in Polonia con l’imprimatur della Curia Metropolitana di Cracovia per le e3dizioni WYDAWNICTTWO SW. Stanislawa BM.

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione