Dona Adesso
The dome of St. Peter's Basilica

WIKIMEDIA COMMONS

Vatileaks. L’Ucsi preoccupato per la “deriva” giornalistica

L’Unione stampa cattolica italiana interviene sui “gravi episodi” che hanno accompagnato le ultime vicende vaticane

I giornalisti dell’Unione stampa cattolica italiana (Ucsi) esprimono viva preoccupazione per i gravi episodi di “deriva” giornalistica che hanno accompagnato le ultime vicende vaticane, coinvolgendo la persona e l’azione di papa Francesco. Ciò è stato affermato in un documento approvato all’unanimità dal Consiglio Nazionale dell’Ucsi riunito a Roma sotto la presidenza di Andrea Melodia.

Il Consiglio Nazionale dell’Ucsi – continua il documento – condanna, in particolare, “il tentativo di accreditare una patologia al cervello del Papa, la pubblicazione di una Lettera riservata di una dozzina di cardinali critici verso papa Francesco nel corso del Sinodo, e la fuga di documenti e registrazioni ‘rubate’ a papa Francesco all’interno del Vaticano ed utilizzati per delegittimarne l’azione riformatrice, che invece merita il più pieno e appassionato sostegno da parte dei giornalisti, cattolici e non, cui sta a cuore la credibilità della professione e il perseguimento del bene comune”.

“Un’azione di delegittimazione, contrabbandata per sostegno al Papa – conclude il documento -, tanto più vile in quanto vorrebbe colpire un pontefice che chiama tutti alla trasparenza e alla testimonianza disinteressata e coraggiosa”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione