Dona Adesso

Unitalsi: compie 50 anni la sottosezione di Latina

Mezzo secolo al servizio dei più fragili e dei disabili

Compie 50 anni la sottosezione dell’Unitalsi (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali) di Latina. Era il 1966 quando Alfredo Chirico organizzò il primo pellegrinaggio a Lourdes dando idealmente vita al primo nucleo unitalsiano della cittadina dell’Agro Pontino.

Da allora l’Associazione si è sviluppata divenendo un punto di riferimento soprattutto per quelle categorie sociali più fragili come gli anziani e le persone disabili. Oggi sono oltre 11 i gruppi cittadini che operano a Latina in stretta collaborazione con le caritas parrocchiali e con quella diocesana. Di recente l’apertura della casa di accoglienza il “Sicomoro” dove vengono ospitate gratuitamente le famiglie che devono ricoverare un proprio familiare presso l’ospedale “Santa Maria Goretti”. Grande attenzione viene riservata anche alla formazione dei giovani grazie soprattutto alla presenza dei ragazzi del servizio civile.

“Una festa importante – racconta Preziosa Terrinoni, presidente della sezione Romana Laziale dell’Unitalsi – per tutta la città di Latina che ha saputo, in questi 50 anni, apprezzare lo spirito unitalsiano vicino alla gente e con le gente spesso nell’anonimato. Un grazie speciale al presidente Cardinali, al suo consiglio e a Don Gianni Toni che sanno ogni giorno coinvolgere, motivare i tanti soci di Latina che con grande cuore hanno deciso di sostenere nei pellegrinaggi, ma anche nel quotidiano quanti sono più fragili”.

“Un traguardo quello dei primi 50 anni di attività – spiega Giuseppe Cardinali, presidente della sottosezione dell’Unitalsi di Latina – che abbiamo voluto celebrare con una serie di iniziative che sono partite a maggio di quest’anno con la Peregrinatio Marie in alcune parrocchie della diocesi, poi con la presenza di una folta delegazione di Latina al Giubileo delle persone malate e disabili a settembre ed infine la scorsa domenica con la celebrazione presieduta dal nostro vescovo Mons. Mariano Crociata e concelebrata da una delle colonne della nostra sottosezione e assistente ecclesiastico regionale, Don Gianni Toni”.

“Questo momento – aggiunge Cardinali – è stato anche l’occasione per incontrare il nostro nuovo assistente diocesano, Don Livio Fabiani al quale abbiamo dato il benvenuto a nome di tutti i nostri soci. Dopo mezzo secolo è difficile ringraziare qualcuno in particolare, perché sono convinto che la forza della nostra associazione sta proprio nel camminare tutti insieme con umiltà e dedizione”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione