Dona Adesso

Unioni civili. Il Palazzo non ascolta…

Critiche e perplessità da parte del Forum delle Associazioni Familiari circa il nuovo testo ‘unificato’ sulle unioni civili depositato dalla senatrice Cirinnà alla Commissione Giustizia del Senato

“Il nuovo testo ‘unificato’ sulle unioni civili depositato dalla senatrice Cirinnà alla Commissione Giustizia del Senato, dopo una lunga serie di audizioni, è assolutamente peggiorativo, e soprattutto non appare come una proposta di mediazione, non tiene conto delle varie posizioni ascoltate negli ampi dibattiti delle scorse settimane, e si limita a proporre una unilaterale esasperazione delle caratteristiche più faziose del modello di regolazione delle unioni civili per le persone dello stesso sesso”.

Lo afferma il Forum delle Associazioni Familiari, sottolineando che, ad una rapida lettura, l’impressione del testo è “Abbiamo ascoltato tutti, e adesso continuiamo a fare di testa nostra”. “Come Forum – si legge in un comunicato dell’associazione -, insieme a tanti altri esperti e a tanti parlamentari membri della Commissione Giustizia, vevamo fatto una serie di critiche e avanzato numerosi suggerimenti. Tutto regolarmente ignorato. Non pensavamo di poter cambiare radicalmente la legge. Ma qui siamo davvero alla presa in giro: anziché mediare sui punti più controversi, si esaspera l’obiettivo di partenza, che è quello di costruire un modello il più simile possibile al matrimonio dell’art. 29 della Costituzione, in attesa di una totale omologazione per via di sentenze dei vari tribunali, in Italia e in Europa”.

Secondo il Forum viene negato “anche quello che la Corte costituzionale ha ampiamente sottolineato”, vale a dire “che il matrimonio è indissolubilmente connesso, nel nostro quadro normativo fondativo, alla eterosessualità dei coniugi”. “Del resto – rimarca la nota – non ci aspettavamo un migliore tipo di ascolto, se la senatrice Cirinnà, pur essendo relatrice, ha ostentatamente ignorato proprio l’audizione del Forum, uscendo dall’aula della Commissione Giustizia proprio all’inizio del nostro intervento”.

Il Forum delle Associazioni Familiari si dice quindi rammaricato che “ancora una volta, con queste modalità, la politica voglia fare le proprie scelte non ascoltando il Paese, ma sulla testa del Paese, o dando voce solo ad alcuni soggetti minoritari”. E conclude domandando: “Siamo davvero sicuri che su un tema tanto delicato, come l’identità della famiglia, una relatrice così schierata sia ancora la scelta giusta?”. 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione