Dona Adesso
Palazzo Montecitorio (Italian Chambers of Deputies)

WIKIMEDIA COMMONS

Una legge per rendere l’utero in affitto reato universale

Verrà presentata oggi alla Camera dai ministri Alfano e Lorenzin. Previste pene fino a 8 anni per gli organizzatori di questi traffici a scopo di lucro

Rendere reato universale l’utero in affitto. Questo l’obiettivo che si pone il disegno di legge, accompagnato da una mozione, che oggi verrà presentato alla Camera dal ministro dell’Interno, Angelino Alfano, e dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Il testo è stato redatto dal senatore Nico D’Ascola, in collaborazione con altri parlamentari, fra cui Maurizio Sacconi e Paola Binetti.

Come rivela Avvenire di questa mattina, il testo si caratterizza per essere breve e incisivo. Vieta  la “surrogazione di maternità” come il “commercio di cellule e tessuti di origine umana”, e punisce chi “organizza e pubblicizza” questi commerci con la reclusione da 1 a 3 anni. Pene che arrivano fino a 5 anni per coloro che organizzano, pubblicizzano, utilizzano o ricorrono all’utero in affitto all’estero. Gli organizzatori di questi traffici a scopo di lucro, infine, possono subire una pensa che va dai 2 agli 8 anni di reclusione. Divieto inoltre di poter adottare minori per chi si rende autore di questi reati.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione