Dona Adesso
Press Conference on the project “The Great Mystery. The Gospel of the Family

ZENIT - HSM

“Una intima comunità di vita”

Intervento del cardinale Sistach nella presentazione del progetto “Il Grande Mistero”

Riprendiamo di seguito il testo dell’intervento del cardinale Lluís Martínez Sistach, arcivescovo di Barcelona, durante la conferenza stampa di presentazione del progetto “Il Grande Mistero. Il Vangelo della famiglia, scuola di umanità per i nostri tempi”.

***

Voglio ringraziare il Signor Arcivescovo Vincenzo Paglia, presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, per aver scelto la Basilica della Sagrada Familía, di Barcellona, per iniziare il cammino di una celebrazione che ha intitolato “Il grande mistero”. L’Arcidiocesi di Barcellona si sente soddisfatta per questa decisione del Pontificio Consiglio per la Famiglia e offre il bellissimo quadro dell’opera più importante di Antonio Gaudi.

La basilica della Sacra Famiglia ha una dimensione universale. Annualmente la visitano più di tre milioni di persone procedente dei cinque continenti ed è l’icona di Barcellona giacché i suoi campanili identificano in tutto il mondo la città.

Oltre alla sua bellezza unica e singolare, la Basilica è molto ricca di simbologia biblica, teologica e liturgica ed è dedicata alla Sacra Famiglia. L’iniziativa del Pontificio Consiglio consiste principalmente in presentare il Vangelo della Famiglia, in coincidenza con la celebrazione delle due Assemblee del Sinodo dello scorso ottobre e del prossimo ottobre dedicate alla famiglia. Con la bellezza, la musica e il pensiero si vuole offrire la bellezza e la trascendenza del mistero della famiglia cristiana che consiste in una intima comunità di vita e d’amore tra i coniugi, e tra i genitori e figli e dei fratelli tra loro, nel seno di una famiglia più grande, nell’ambito della società e della Chiesa.

Le grandi virtù e i valori della famiglia cristiana oggi sono molto necessari e molto urgenti. Non possiamo dimenticare che il Vaticano II, parlando del matrimonio e della famiglia, ci disse che il bene delle persone, della società e della Chiesa è strettamente legato alla prosperità della comunità coniugale e familiare (GS, 47).

Il Papa Benedetto XVI, nella sua omelia in occasione della consacrazione della Basilica della Sagrada Famila, il 7 novembre 2010, disse: “da sempre, la famiglia formata da Gesù, Maria e Giuseppe è stata considerata una scuola di amore, preghiera e lavoro. I patrocinatori di questo tempio volevano mostrare al mondo l’amore, il lavoro e il servizio vissuti davanti a Dio, come li visse la Sacra Famiglia di Nazareth “. E sono molto belle le parole della Bolla di proclamazione delta Basilica, quando dice che “nella Santa Famiglia, Gesù consacrò la vita domestica con virtù ineffabili e, attraverso di essa, volle darci, perché li imitassimo, gli esempi più notevoli di misericordia, di bontà, di umiltà, di modestia, di pazienza e dei vincoli che provengono dalla carità, perché noi potessimo mettere come base delle nostre famiglie la sua grazia e la sua pace”.

La Basilica della Sagrada Familía è una manifestazione del grande mistero di Dio e dell’uomo. Nel nostro tempo in cui l’uomo cerca di costruire la sua vita senza Dio, come se Lui non avesse niente da dirgli, questo magnifico tempio ha un grande significato. Gaudì, con la sua magna opera, ci mostra che Dio è la vera misura dell’uomo. Che il segreto dell’ autentica originalità risiede, come diceva lui stesso, in ritornare alle origini che è Dio. La Basilica è, in mezzo della grande città, uno spazio di bellezza, di fede e di speranza, che conduce l’uomo all’incontro con colui che è la Verità e la Bellezza stessa.

Nel Santuario universale che è la Basilica della Sagrada Familía, di Barcellona, vogliamo avviare questa iniziativa con la partecipazione del conosciuto tenore Andrea Bocelli e con la proclamazione del Vangelo della Famiglia per il bene delle persone, delle famiglie, della società e della Chiesa.

© Copyright – Libreria Editrice Vaticana

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione