Dona Adesso

Un telegiornale di buone notizie

Coraggiosa iniziativa del programma di Tv2000 TGtg – telegiornali a confronto

Un bambino affetto da sindrome Down è allo stadio del Celtic, prestigiosa squadra scozzese. Il Celtic è la prima formazione del Regno Unito ad aver vinto la Coppa dei Campioni, la prima ad avere effettuato un triplete in Europa, la prima e unica finora, ad aver vinto con tutti i giocatori provenienti dal vivaio, tutti nati a meno di 30 miglia dallo stadio di Glasgow. Il bambino è in braccio al padre, veste una maglia e una sciarpa verde con i colori del club. La sua squadra sta vincendo il campionato, dopo dieci anni di digiuno.

È felice, esulta. Poi nel momento della consegna delle medaglie ai calciatori in campo accade una cosa incredibile. L’allenatore del Celtic Neil Lennon si dirige verso il bambino, gli consegna e gli mette intorno al collo la medaglia dei vincitori. Il bambino è stupito, incerto, non sa se saltare di gioia o pensare ad uno scherzo. Sua padre lo abbraccia teneramente e  lo bacia. Ma non finisce qui. Il capitano della squadra, l’attaccante di origine greca Georgios Samaras, si dirige verso il bambino, lo prende in braccio e lo porta in campo per festeggiare la vittoria. Il bambino lo abbraccia, gli tocca la barba quasi a verificare se è vera, il pubblico è in visibilio, molti si commuovono.

Il video di quanto accaduto è stato trasmesso martedì 9 giugno nel corso di TGtg – telegiornali a confronto di Tv2000, programma che mette a confronto i telegiornali delle diverse emittenti. Quella di Glasgow è solo una delle tante buone notizie che il programma condotto da Clara Latosti e Cesare Davide Cavoni, con la collaborazione del programmista-regista Stefano Paoletti, trasmette ogni sera, dalle 20.30 fino alle 21, dal lunedì fino al venerdì. 

Ogni sera, assieme ad ospiti qualificati, viene proposto il riepilogo della giornata informativa e comparati i temi e i titoli dei più seguiti dai tg nazionali appena andati in onda. Rivedendo i titoli e accostandoli tra loro (a volte anche in modo sorprendente), si pone l’obiettivo di proporre un consumo più libero e ottimista dell’informazione televisiva. Con l’aiuto di un ospite che cambia ogni sera (direttori di testate, sociologi, scrittori, psicologi, linguisti, economisti, storici ecc.), Tgtg offre una griglia interpretativa che aiuta a scoprire la parte buona delle notizie.

Tg-tg – telegiornali a confronto non si accontenta di analizzare in maniera più illuminata il senso e i retroscena delle notizie, ma sceglie anche notizie e storie positive, allargando il campo visivo e informativo, uscendo fuori da una scelta di notizie dei telegiornali che a volte è ripetitiva, pessimista, scandalistica, noiosa e da pensiero unico.

L’obiettivo del programma è quello di approfondire e riflettere sugli argomenti di attualità, allargando quanto più possibile l’orizzonte dell’informazione. Il confronto non rimane in ambito nazionale, non manca infatti uno sguardo anche ai principali telegiornali europei, di cui vengono proposte ogni sera le aperture.

Singolare anche la chiusura del programma. Si tratta della lettura di una poesia. Martedì scorso è stata scelta una poesia dal titolo Sospiro di Jan Twardowski tratta dalla raccolta Affrettiamoci ad amare, (Marietti 1820)

Il programma è presente anche sul web con il nuovo sito www.tv2000.it/tgtg/ (curato in sinergia con l’Ufficio web di Tv2000) e punta molto sull’interazione con i telespettatori, grazie all’utilizzo dei social network come Facebook e Twitter.

Basta andare sulla pagina fan su Facebook e su Twitter @tgtgtv2000 per leggere i temi trattati in trasmissione dagli ospiti che si susseguono ogni sera, ma anche per postare i commenti e condividere su YouTube le clip che vengono inserite quotidianamente. Inoltre, nel sito www.tv2000.it/tgtg/, si trovano tutte le puntate andate in onda, è possibile votare “gli Oscar dei tg” scelti dai telespettatori e rivedere le controcopertine.

 

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione