Dona Adesso

Un razzo colpisce la sede Caritas di Aleppo, ma non esplode

Nessun ferito dall’attacco di ieri al Centro di riferimento per le famiglie siriane povere. Il segretario di Caritas Internationalis: “L’episodio sottolinea l’urgenza del cessate il fuoco”

Un razzo ha colpito ieri la sede siriana della Caritas di Aleppo. A confermare la notizia è l’ufficio stampa della Caritas Internationalis, che ha raccontato che il missile è stato lanciato nel Centro intorno alle 16, mentre il parroco e membro della Caritas di Aleppo, padre Toni Ghazi, stava raggiungendo insieme ad alcuni bambini la sede per l’orario di apertura.

Il razzo esplosivo è scivolato davanti al gruppo e, mentre tutti si sono gettati a terra, è rimbalzato verso la struttura finendo nella sala d’attesa gremita di persone. Miracolosamente non è esploso. Solo l’ufficio per il Rent Assistance è stato danneggiato. I quattro dipendenti dell’ufficio avrebbero dovuto essere presenti al lavoro, ma il loro arrivo ieri era stato ritardato. L’attacco non ha provocato quindi alcun ferito. “Siamo in vita solo grazie a Dio e alla protezione di San Giuseppe, patrono della Chiesa”, ha dichiarato Mony Tayyar, responsabile della squadra dell’ufficio.

“Grazie a Dio nessuno è rimasto ferito durante l’attacco” ha affermato Michel Roy, segretario generale della Caritas Internazionalis. E ha aggiunto: “Che un centro Caritas a favore dei più poveri e vulnerabili in Siria sia stato colpito da un razzo sottolinea l’urgenza di un ‘cessate il fuoco’ immediato come primo passo per la ricerca di una soluzione pacifica”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione