Dona Adesso

Un bambino che può far paura o far gioire!

Meditazione quotidiana sulla Parola di Dio

Lettura

L’episodio del Vangelo odierno ci viene riportato solo da Matteo. Egli non racconta nei particolari la nascita di Gesù, semplicemente la cita, mentre si sofferma in modo dettagliato sulla storia dei Magi, questi saggi pagani che entrano disordinatamente nelle prime pagine del Vangelo. All’Evangelista sta a cuore proprio questo: c’è una Sapienza nuova, Gesù, che non può essere accolta da chi non si mette in cammino, da chi ha paura del cambiamento, da chi non si ritiene bisognoso di luce. E noi dobbiamo metterci sulle orme dei Magi per accogliere e adorare il nostro Salvatore. 

Meditazione

Il protagonista di questa pagina sembra essere a dispetto di tutto proprio il re Erode! Emerge nel suo contrasto con l’atteggiamento dei Magi: questi, accesi dal desiderio di conoscere il Messia, motivo di quella congiunzione astrale insolita, si muovono con entusiasmo. Erode invece, e con lui tutti i saggi esperti delle Scritture, sono subito impauriti. Ma si stava semplicemente realizzando la profezia tanto attesa! Ad un evento di bene si può reagire come Erode: con gelosia, con paura, addirittura con una strage, come avverrà a breve! Eppure Gesù, nella sua regalità, non si presenta con un esercito armato, ma nella debolezza di un bambino! Dio non è mai ostile e arriva nei tanti segni che accompagnano la nostra giornata, per darci vita. Se come Erode lo vediamo però come un nemico che può toglierci qualcosa, che ci chiede di dare del nostro come un usurpatore, allora coveremmo verso Dio, verso gli altri e verso noi stessi inganno, amarezza, peccato, chiusura alla vita. È certo che Dio fa sempre saltare i nostri schemi, quando arriva! Non si tratta mai di percorrere una strada già stabilita e programmata, ma di seguire, come fanno i Magi, quella stella che li precede nel cammino. Quante stelle nella nostra storia ci spronano a metterci in cammino, ci accendono il desiderio di Dio, ci stanano dalle nostre comodità. Non dobbiamo fare come Erode, ma come i Magi! Se custodiamo acceso in noi il desiderio di Dio, allora non sarà difficile riconoscere la stella giusta per noi, alzare lo sguardo al cielo e deciderci di seguire la sua traiettoria, perché saremo certi che nell’incomprensione, nella fatica, nell’incertezza del percorso, comunque sarà per un bene, il bene che Dio ha pensato per noi. 

Preghiera

«Guarisci e apri le mie orecchie affinché io possa udire la tua voce. Guarisci e apri i miei occhi affinché possa vedere i tuoi cenni… Comanda e ordina ciò che vuoi. Tu suggeriscimelo, tu mostrami la via e forniscimi ciò che necessita al viaggio».Amen (Sant’Agostino, Soliloqui, I,1.3).

Agire

Questa sera rintraccerò i tanti segni di bene, le tante “stelle”, con cui Dio mi ha accompagnato in questa giornata.

Meditazione del giorno a cura delle Monache Agostiniane della Comunità Santi Quattro Coronati a Romatratta dal mensile Messa Meditazione, per gentile concessione di Edizioni ART. Per abbonamenti: info@edizioniart.it

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione