Dona Adesso

Tutto pronto per il II Meeting nazionale giornalisti cattolici “Pellegrini nel Cyberspazio”

Domani, a Grottammare, apriranno i lavori il cardinale Edoardo Menichelli, il vescovo Carlo Bresciani, e i giornalisti Andrea Tornielli e Andrea Melodia 

Saranno oltre 150 i tra giornalisti, collaboratori e direttori degli Uffici Comunicazioni Sociali delle diverse diocesi d’Italia che prenderanno parte al II Meeting dei giornalisti cattolici, dal titolo “Pellegrini nel Cyberspazio”, al via domani, 18 giugno a Grottammare.

L’incontro è organizzato dalla Federazione italiana settimanali cattolici (Fisc), in collaborazione con l‘Agenzia Sir, l‘Ordine giornalisti delle Marche, l‘Unione cattolica della stampa italiana (Ucsi) dall‘agenzia di stampa internazionale ZENIT e dal giornale diocesano L‘Ancora.

“È un appuntamento importante per tutta la nostra Chiesa di San Benedetto del Tronto”, afferma il vescovo Carlo Bresciani, che, insieme al cardinale Edoardo Menichelli e ai giornalisti Andrea Tornielli e Andrea Melodia, apriranno i lavori di domani, alle 15, presso la Sala Kursaal.

Tra i relatori va rilevata anche l’illustre presenza del vescovo di Baghdad, mons. Basel Yaldo, il quale con il suo intervento permetterà di volgere lo sguardo verso il Medio Oriente raccontando la grave situazione in cui versano i cristiani perseguitati dallo Stato Islamico. “La presenza cristiana nel mondo non sempre è tranquilla, né comoda, il cristiano infatti – se necessario – rischia per le proprie idee”, sottolinea infatti mons. Bresciani.

Nelle giornate di venerdì e sabato saranno presenti invece il vescovo eletto di Rieti, monsignor Domenico Pompili; il direttore di TV2000, Paolo Ruffini; il caporedattore del “Sole 24 Ore” Daniele Bellasio; il caporedattore dell’agenzia Sir, Vincenzo Corrado; il giornalista di Panorama Fabrizio Goria; il presidente della Fisc Francesco Zanotti. Presenti anche Ilaria Barbotti in rappresentanza di Instagram e Alessandro Chessa dell’IMT Lucca.

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione