Dona Adesso

Oceano / Pixabay CC0 - lecreusois, Public Domain

Turkson all’ONU: stop al degrado di mari e oceani

Cinque principi di base per un uso sostenibile degli oceani e delle risorse marine — Discorso di martedì 6 giugno 2017

“Possiamo e dobbiamo invertire il degrado dei nostri oceani e mari”. Lo ha detto martedì 6 giugno 2017 il cardinale Peter Turkson rivolgendosi alla Conferenza sugli oceani al “Palazzo di Vetro” delle Nazioni Unite a New York. “Siamo capaci del meglio, di superare l’egoismo personale e stretti interessi nazionali”, ha esortato il prefetto del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale.

Il porporato ghanese è intervenuto in qualità di capo della delegazione della Santa Sede presso la Conferenza ONU sul tema “Conservare e utilizzare in modo durevole gli oceani, i mari e le risorse marine per uno sviluppo sostenibile”, che si svolge dal 5 al 9 giugno a New York. Il cardinale Turkson ha pronunciato il suo discorso nel quadro del “Partnership Dialogue 3”, intitolato: “Minimizzare e affrontare l’impatto dell’acidificazione degli oceani”.

Nel suo discorso, il porporato ha ricordato cinque principi di base o linee guida, una vera e propria tabella di marcia per proteggere l’ambiente in generale e gli oceani in particolare:

  • l’imperativo morale di prendere cura dell’ambiente;
  • la necessità di un’ecologia integrale che include l’ecologia ambientale, economica, sociale, culturale e quotidiana, il bene comune e la giustizia intergenerazionale;
  • un approccio integrato per trovare soluzioni che uniscono etica e ambiente;
  • l’importanza dell’educazione;
  • la necessità di un dialogo e di collaborazione a tutti i livelli.

“Questo vasto regno blu è il dono di Dio per noi. Siamone i gestori responsabili”, ha concluso il cardinale ghanese il suo intervento. (pdm)

Per leggere il testo completo del discorso (in inglese) cliccare qui.

About Constance Roques

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione