Dona Adesso

Tornano gli “Angeli per un giorno”

L’iniziativa promossa dal Regnum Christi per i bambini bisognosi delle periferie delle città italiane, sbarca domani a Parco Leonardo (Fiumicino)

Gli studenti dell’Università Europea di Roma parteciperanno, insieme ad altri volontari e amici, ad una giornata di solidarietà di “Angeli per un giorno”, domenica 14 dicembre 2014: sarà un bellissimo momento di festa all’insegna dell’amicizia, del gioco, del divertimento e del volontariato.

 “Angeli per un giorno” è un’attività del movimento Regnum Christi in favore dei bambini bisognosi delle periferie delle città italiane, ospiti di case famiglia e d’accoglienza.

Gli “Angeli” sono giovani volontari e studenti universitari, divisi in gruppi, che prendono in custodia alcuni bimbi, accompagnandoli ed assistendoli durante la giornata. Li portano in giro per la città, al luna park, al cinema, oppure a praticare sport.

La giornata di questa domenica si colora di particolare allegria dato che i bimbi con i loro angeli saranno ospiti del grande centro Parco Leonardo, che mette a loro disposizione una sala cinema, un ampio spazio per i giochi a squadre, il pranzo con un menù delizioso e alla fine lo scambio dei regali portati direttamente da Babbo Natale. Ospite e testimonial della giornata sarà il ciclista Alessandro Proni, che insieme ad altre famiglie accompagneranno i giochi dei bambini e la consegna dei doni natalizi.

L’appuntamento è alle ore 10:00 a Parco Leonardo, Via Gian Lorenzo Bernini a Fiumicino (Roma). La giornata avrà inizio con la messa, a seguire la proiezione di un cartone animato e le altre attività di animazione.

Molti di questi ragazzi non si limitano ad essere “Angeli per un giorno”, ma portano avanti il loro impegno in modo continuativo. Chi lo desidera, infatti, può prolungare la propria collaborazione con le case famiglia, scegliendo liberamente quanto tempo dedicare ai bambini.

Per ulteriori informazioni: 

www.angeliperungiornoroma.com
www.unier.it

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione