Dona Adesso
Thailandia Flag

Thailandia Flag - publicdomainpictures

Thailandia: bombe in località turistiche, due morti

Nessuna rivendicazione finora, la giunta militare punta il dito verso le opposizioni. Tra i feriti, anche due italiani

Il terrore colpisce la Thailandia. Una serie di attentati ha provocato nelle scorse ore almeno quattro morti e una quarantina di feriti in cinque località costiere meridionali, tra cui le mete turistiche di Hua Hin e Phuket. Sono esplose undici bombe a distanza di qualche ora l’una dall’altra, tra i feriti anche due italiani.

Uno degli italiani feriti, a Hua Hin, ha dichiarato che al momento dell’esplosione si trovava a meno di due metri da una signora rimasta uccisa. L’uomo – che stava festeggiando il suo 51esimo compleanno – è stato colpito alla schiena da una scheggia, è stato operato d’urgenza ed è fuori pericolo. L’altro italiano ferito è un ragazzo di 21 anni.

Le autorità thailandese preferiscono escludere per ora l’ipotesi terroristica, parlando più genericamente di “sabotaggio locale”. La polizia ha effettuato già i primi fermi.

In assenza di rivendicazioni, Prayuth Chan-ocha, leader della giunta militare che governa il Paese, ha puntato il dito verso le opposizioni. “Chi non vuole che la Thailandia progredisca?”. Secondo molti osservatori, il suo riferimento è a Thaksin Shinawatra, ex premier ed ora dissidente.

Un anno fa a Bangkok, capitale della Thailandia, esplose una bomba al tempio religioso di Erawan, provocando la morte di 20 persone tra cui alcuni turisti stranieri. Quello del turismo nel Paese è un settore proficuo, contribuendo al 10% del Pil. Di qui la volontà del Governo di non spaventare gli stranieri evitando accuratamente di usare il termine “terrorismo”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione