Dona Adesso

Foto: Sovrano Ordine di Malta

Terremoto: oltre 21 milioni di euro dalla colletta della Cei

A conclusione del Consiglio Permanente, i vescovi denunciano le “troppe promesse ricevute e non mantenute” dai cittadini colpiti dal sisma

Dalla prima violenta scossa del 24 agosto scorso al recente sciame sismico, nel pieno dei disagi invernali, la Chiesa italiana sta proseguendo il suo “ininterrotto” impegno per i terremotati, che va dalla concreta ricostruzione al conforto umano e spirituale dei sopravvissuti. Uno sforzo che sta avendo luogo in sinergia tra la Cei, le diocesi e la Caritas.

Anche il comunicato finale dell’ultimo Consiglio Permanente della Cei rimarca quanto si è fatto e si sta facendo per le popolazioni colpite dal terremoto nel Centro Italia. Molti cittadini colpiti dal sisma appaiono “disillusi dalle troppe promesse ricevute e non mantenute” e gravati da “un carico di interrogativi che esige doverose risposte, da quelle più immediate alle scelte di ricostruzione, da cui dipende il futuro di queste persone”, si legge nella nota.

A seguito della colletta nazionale dello scorso 18 settembre, sono stati raccolti circa 21,6 milioni di euro, destinati “al sostegno immediato delle diocesi colpite”, di cui: 13 milioni per la realizzazione di “strutture socio-pastorali” atte a favorire la partecipazione e la solidarietà; 7 milioni per il “sostegno alle attività economiche attraverso microcredito alla produzione, alla valorizzazione del prodotto, delle risorse umane e strutturali, all’abbattimento dei costi di produzione”.

Le risorse, aggiunge la nota della Cei, “verranno utilizzate attraverso l’implementazione di specifici programmi (primo aiuto, realizzazione di strutture comunitarie, sviluppo sociale ed economico dei territori) con una distribuzione territoriale nelle varie diocesi proporzionale ai danni subiti, al numero delle vittime/sfollati, alle situazioni di maggiore criticità. Si terranno in considerazione anche le eventuali risorse ecclesiali presenti/raccolte direttamente dalle Diocesi colpite”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione