Dona Adesso
Incendio chiesa pani e pesci (foto ACS)

Incendio chiesa pani e pesci (foto ACS)

Terra Santa: riapre la Chiesa della Moltiplicazione dei pani e dei pesci

Incendiata nel giugno 2015 da estremisti ebrei, è stata riaperta ieri con una cerimonia interconfessionale

Era stata oggetto di un incendio doloso nel giugno 2015. Il rogo aveva causato gravi danni a una libreria e ad alcuni edifici che sono parte del complesso. Per questo, la Chiesa della Moltiplicazione dei pani e dei pesci a Tabgha era stata chiusa.

Oggi, a quasi venti mesi da quell’attentato, la riapertura, avvenuta con una cerimonia interconfessionale e una Messa, presieduta dall’arcivescovo di Colonia e presidente dell’Associazione tedesca della Terra Santa, il card. Rainer Maria Woelki.

Dopo l’incendio erano stati arrestati due giovani ebrei considerati dall’accusa estremisti e razzisti nei confronti dei cristiani. Alla cerimonia di ieri, significativa la presenza del presidente israeliano Reuven Rivlin – che già ai tempi dell’attacco aveva visitato il sito ed espresso solidarietà e ai cristiani – e “rabbini di correnti moderate”.

Proprio dei “un gruppo di rabbini moderati” – racconta ad AsiaNews Sobhy Makhoul, della Chiesa maronita di Gerusalemme e amministratore del Christian Media Center – ha finanziato una parte dei lavori. Fondi sono giunti anche dalle autorità come risarcimento, in quanto hanno riconosciuto – dopo che in un primo momento lo avevano negato – che si sia trattato di “terrorismo”.

Le fiamme hanno però risparmiato i pavimenti in mosaico del V secolo. Non è la prima volta che luoghi di culto cattolici, ortodossi ed islamici vengano presi di mira da estremisti ebrei o coloni. Il sito di Tabga era già stato oggetto di un attacco nell’aprile del 2014, alla vigilia del viaggio apostolico di Papa Francesco in Terra Santa.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione