Dona Adesso

Terra Santa: anche i medici Unitalsi in preghiera per la pace con il Patriarcato latino di Gerusalemme

La delegazione è in questi giorni in Terra Santa per il convegno medico-scientifico “Sulle tracce di Gesù Medico” 

Anche la delegazione dei medici dell’Unitalsi (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali) – composta da 40 professionisti arrivati da diverse regioni d’Italia – che in questi giorni è in Terra Santa per il convegno medico-scientifico “Sulle tracce di Gesù Medico”, si unirà oggi, sabato 24 ottobre, al momento di preghiera per la pace in Medio Oriente, promosso dalla Gioventù Cristiana in Palestina come risposta all’appello di Papa Francesco durante l’Angelus di domenica 18 ottobre e al quale hanno aderito tutte le parrocchie del Patriarcato latino di Gerusalemme. Lo faranno proprio nel giorno in cui il pellegrinaggio, dopo essere passato per Cafarnao e il Monte delle Tentazioni, raggiungerà Betlemme, luogo di nascita di Gesù e cuore del territorio palestinese.

“Trovandosi l’Unitalsi, con una qualificata rappresentanza di medici, in questi giorni – dichiara Salvatore Pagliuca, presidente nazionale Unitalsi – in Terra Santa, non poteva non unirsi a tutte le parrocchie del Patriarcato latino di Gerusalemme che oggi pregheranno per la pace in questo territorio purtroppo martoriato dalla violenza e dalla guerra. Come cristiani non possiamo far altro che auspicarci che la situazione di tensione rientri il prima possibile e che questa terra che ha dato i natali a Gesù possa tornare a essere un simbolo di misericordia e carità”.

“Nel nostro pellegrinaggio – aggiunge Federico Baiocco, responsabile nazionale dei medici Unitalsi – abbiamo ragionato oggi sulle guarigioni compiute da Gesù in questi luoghi, in particolare quelli che lo hanno visto guarire la suocera di Pietro dalla febbre, l’emorroissa e i dieci lebbrosi. Per noi medici cristiani questi segni ancora oggi hanno una forza enorme e ci insegnano come vivere la nostra professione. Un esempio è l’episodio dell’unico lebbroso dei dieci che torna a ringraziare Gesù del miracolo, e ci ricorda l’importanza del rapporto fra guarito e guaritore”.

“Ora – conclude Baiocco – il nostro percorso giunge a Betlemme, e purtroppo ritorniamo tragicamente all’attualità. Ci uniamo a questo momento di preghiera sperando che la nostra presenza qui in questi giorni possa essere un gesto concreto per testimoniare l’importanza della pace”.

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione