Dona Adesso

Serafim Fernandes de Araújo, Arcivescovo emerito di Belo Horizonte (Brasile) - Foto © Vatican Media (Screenshot)

Telegramma di cordoglio del Santo Padre per la morte dell’Em.mo Card. Serafim Fernandes de Araújo

Biografia

Pubblichiamo di seguito il telegramma di cordoglio per la morte, avvenuta ieri, martedì 8 ottobre 2019, dell’Em.mo Card. Serafim Fernandes de Araújo, del Titolo di San Luigi Maria Grignion de Montfort, Arcivescovo emerito di Belo Horizonte (Brasile), inviato dal Santo Padre Francesco a S.E. Mons. Walmor Oliveira de Azevedo, Arcivescovo di Belo Horizonte, Presidente della Conferenza Nazionale dei Vescovi del Brasile :

Telegramma del Santo Padre

EXMO E REVMO
DOM WALMOR OLIVEIRA DE AZEVEDO
ARCEBISPO DE BELO HORIZONTE E
PRESIDENTE DA CONFERÊNCIA NACIONAL DOS BISPOS DO BRASIL

RECEBI COM PESAR A NOTÍCIA DO FALECIMENTO DO CARDEAL DOM SERAFIM FERNANDES DE ARAÚJO E DESEJO MANIFESTAR A MINHA COMUNHÃO DE ORAÇÕES COM OS SEUS FAMILIARES E COM TODOS OS FIÉIS DESSA ARQUIDIOCESE NESTE MOMENTO DE LUTO. CONFIO À MISERICÓRDIA DE DEUS O AMADO CARDEAL, QUE COM TANTO ZELO SERVIU A IGREJA, TENDO SIDO PADRE CONCILIAR DURANTE O CONCILIO VATICANO II E, DE MODO PARTICULAR, POR MAIS DE CINQUENTA ANOS SE DEDICOU À ARQUIDIOCESE DE BELO HORIZONTE, ONDE SUA PAIXÃO MISSIONÁRIA FEZ CRESCER NO CORAÇÃO DOS FIÉIS O AMOR A JESUS CRISTO E À SUA IGREJA. AO ELEVAR FERVOROSAS PRECES, SOB A INTERCESSÃO DE NOSSA SENHORA DA BOA VIAGEM, PARA QUE DEUS ACOLHA NA SUA FELICIDADE ETERNA ESTE SEU SERVO BOM E FIEL, ENVIO A ESSA COMUNIDADE ARQUIDIOCESANA QUE CHORA PERDA DO SEU AMADO PASTOR, À IGREJA DO BRASIL E A QUANTOS PARTILHAM ESTA HORA DE TRISTEZA QUE ANUNCIA A RESSURREIÇÃO A BÊNÇÃO APOSTÓLICA.

FRANCISCUS PP

**

Biografia

Il Cardinale Serafim Fernandes de Araújo, Arcivescovo emerito di Belo Horizonte (Brasile), è nato il 13 agosto 1924 nella città di Minas Novas, nella diocesi di Araçuaí, nello Stato di Minas Gerais (Brasile). È figlio di José Fernandes de Araújo e di Gabriela Leite Araújo, primo di sedici fratelli. Iniziati i suoi studi nel 1932 nella scuola Coronel Jonas Câmara, nella città di Itamarandiba, nel 1937 li prosegue nel Seminario di Diamantina, dove li porta a termine nel 1942. Sempre nello stesso Seminario compie gli studi di filosofia fino al 1944. Nel 1945 si reca in Italia dove studia Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana, conseguendo la laurea in Teologia nel 1949. Nella stessa università nel 1951 ottiene la laurea in Diritto Canonico. Il 12 marzo 1949 è ordinato sacerdote a Roma, nella Cattedrale di San Giovanni in Laterano. Ritornato in Brasile nel 1951, inizia la sua attività sacerdotale come parroco della città di Gouveia fino all’anno 1957, e poi in quella di Curvelo dal 1957 al 1959. Nel 1956-1957 unisce l’attività di parroco a Gouveia con quella di cappellano militare del 3° battaglione di Polizia Militare, sito nella vicina Diamantina. La vicinanza di queste due città gli permette di esercitare le attività del magistero, per le quali sente di avere una vocazione, e al contempo di diventare, nel 1956, Docente di Diritto Canonico nel Seminario Provinciale di Diamantina, Direttore di Catechesi nell’Arcidiocesi e Professore di Insegnamento Religioso nella Escola Normal della stessa città. A Curvelo insegna nella scuola Padre Curvelo, nell’istituto Santo Antônio e nella Escola Normal. Mentre esercita queste funzioni, il 19 gennaio 1959 viene eletto alla Chiesa titolare di Verinopoli e nominato Vescovo ausiliare di Mons. João Resende Costa, allora Arcivescovo di Belo Horizonte. Riceve l’ordinazione episcopale a Diamantina il 7 maggio 1959. Il 22 novembre 1982 è nominato Arcivescovo Coadiutore, con diritto a succedere a Mons. João Resende Costa, che di fatto sostituisce – come terzo Arcivescovo di Belo Horizonte – a partire dal 5 febbraio 1986. Si è sempre distinto come persona impegnata nel campo dell’educazione e in quello delle comunicazioni sociali e come uomo di Chiesa. Fin dall’inizio della sua attività sacerdotale si è profondamente identificato con l’opera educativa. Nel 1960, mentre è Vescovo ausiliare di Belo Horizonte, viene scelto come Rettore dell’Università Cattolica, di recente fondazione, di Minas Gerais – ora Università Pontificia – della cui facoltà di Diritto è già professore. Ricopre questa carica fino al 1981, anno in cui lascia l’università con 23 corsi e 15 mila studenti. Prosegue la sua esperienza internazionale di educatore. In Brasile crea legami tra università e mondo del lavoro e sostiene tanti studenti poveri attraverso l’istituzione di borse di studio. Si propone di ristrutturare su basi più consistenti e dinamiche i mezzi di comunicazione sociale di cui dispone l’Arcidiocesi, rielaborando la programmazione e modernizzando le istallazioni e gli impianti tecnici delle Rádios América e Cultura, dando nuovo impulso al Jornal de Opinião, che sostituisce il settimanale Lar Católico. Viene scelto come responsabile del Settore di Comunicazione Sociale della Conferenza Episcopale ed è indicato per integrare, per diversi anni, il Dipartimento di Comunicazione Sociale del Consiglio Episcopale Latinoamericano (CELAM). Viene anche chiamato a far parte del Pontificio Consiglio per le Comunicazioni Sociali (1990-1995). Per vari anni è responsabile di un programma giornaliero, «A Palavra de Deus» trasmesso da Rádio América di Belo Horizonte e di un altro programma domenicale in tre diversi canali televisivi della capitale di Minas Gerais (Bandeirantes, Globo e Minas). Ha partecipato al Concilio Vaticano II (1962-1965); alle Conferenze Generali dell’Episcopato Latinoamericano (CELAM) svoltesi a Puebla nel 1979 (III) e a Santo Domingo nel 1992 (IV), essendo stato – per scelta personale del Papa – Co-presidente di quest’ultima, insieme ai Cardinali Angelo Sodano, Segretario di Stato, e Nicolás de Jesús López Rodríguez, Arcivescovo di Santo Domingo e allora Presidente del CELAM. Nel 1989 viene nominato membro della Pontificia Commissione per l’America Latina (CAL). Decisiva è stata la sua partecipazione alla Conferenza Nazionale dei Vescovi del Brasile della quale è stato Vice-presidente nel periodo 1991-1995, dopo aver presieduto per diversi periodi il Regionale Est II. Nel 1995 organizza e porta a termine a Belo Horizonte il V Congresso Missionario Latinoamericano (COMLA V). Nel frattempo, dal 15 agosto 1990, promuove nella Chiesa locale di Belo Horizonte una grande opera di evangelizzazione, invitandola a diventare una Chiesa missionaria, partecipativa e misericordiosa, attraverso il Progetto Pastorale «Construir a Esperança» che si è trasformato in modello pastorale per diverse Diocesi brasiliane, con l’approvazione e il suggello della Conferenza Episcopale. Momento culminante del progetto è stata la realizzazione della Prima Assemblea del Popolo di Dio il 12 ottobre 1996. Nel 1997 è stato Delegato all’Assemblea Speciale per l’America del Sinodo dei Vescovi. In campo sociale, presiede l’Associazione Nossa Senhora da Conceição adoperandosi per offrire aiuto ai bambini di strada, impegnandosi nella Pastorale per l’infanzia e i gruppi emarginati, e dedicandosi soprattutto ad offrire appoggio spirituale e materiale ai malati terminali privi di assistenza. Ha ricevuto il titolo di Commendatore dell’Ordine Nazionale del Merito Educativo, con la Grande Medaglia dell’Inconfidência e con la medaglia Santos Dumont. Ha inoltre ottenuto varie lauree ad honorem. Avendo concentrato la maggior parte delle sue attività a Minas Gerais, ha ricevuto anche il titolo di Cittadino Onorario delle seguenti città: Pedro Leopoldo, Curvelo, Itabira, Luz, Nova Lima, Belo Horizonte, Contagem, Itamarandiba, Diamantina, Bom Despacho e Caeté. Arcivescovo emerito di Belo Horizonte (Brasile), 28 gennaio 2004. Da S. Giovanni Paolo II creato e pubblicato Cardinale nel Concistoro del 21 febbraio 1998, del Titolo di San Luigi Maria Grignion de Montfort. Deceduto l’8 ottobre 2019.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione