Dona Adesso

“Lux Lucis”

Questo il titolo della retrospettiva del maestro Rodolfo Papa sul tema della luce nell’arte e alcune riflessioni sulla luce nell’arte contemporanea

A Roma, per “incontrare il Volto Santo di Gesù”

Da oggi fino all’8 dicembre, un’icona miracolosa del volto di Cristo torna dove fu custodita per tanto tempo. Mons. Zuppi: “Le icone non siano oggetto da museo, ma di devozione”

A Roma, per “incontrare il Volto Santo di Gesù”

Da oggi fino all’8 dicembre, un’icona miracolosa del volto di Cristo torna dove fu custodita per tanto tempo. Mons. Zuppi: “Le icone non siano oggetto da museo, ma di devozione”

L’arte sacra dei figli di Abramo

Inaugurata il 6 luglio, a San Marino, la mostra interreligiosa d’arte sacra contemporanea organizzata dai francescani, in collaborazione con la Comunità Ebraica e la COREIS

Renato Guttuso e il Sacro

Giovedì 13 febbraio, la presentazione del volume d’arte di mons. Crispino Valenziano dal titolo “Guttuso credeva di non credere…”, edito da LEV

“I volti di Cristo nell’arte”

Lunedì 13 gennaio, alla Pontificia Università Lateranense, la presentazione del nuovo libro dello scrittore e critico d’arte, cinema e musica Mario Dal Bello, edito da LEV

“Dio storia dell’uomo”

Il nuovo volume del gesuita Andrea Dall’Asta raccoglie opere d’arte di ispirazione religiosa e le loro relative spiegazioni, riflettendo sul rapporto fra parola e immagine

“Dio storia dell’uomo”

Il nuovo volume del gesuita Andrea Dall’Asta raccoglie opere d’arte di ispirazione religiosa e le loro relative spiegazioni, riflettendo sul rapporto fra parola e immagine

Com’era l’aspetto di Gesù?

Venerdì 29 novembre, a Roma, la presentazione del libro di Mario del Bello, edito da LEV, “Cristo. I ritratti”

Com’era l’aspetto di Gesù?

Venerdì 29 novembre, a Roma, la presentazione del libro di Mario del Bello, edito da LEV, “Cristo. I ritratti”

La casa di Dio nella città di Lercaro

Questi il titolo di tre mostre organizzate oggi e domani presso le chiese del Cuore Immacolato di Maria, di San Pio X e della Beata Vergine Immacolata di Bologna

Kiko Argüello a Mestre

L’iniziatore del Cammino neocatecumenale ha seguito la fase finale dei lavori al ciclo pittorico nella chiesa di San Giovanni Evangelista

“Il Cristo del Mantegna e oltre”

Da domani al 31 agosto, a Firenze, la ricostruzione dello spazio scenico intorno alla figura del Cristo morto in mostra a Palazzo Medici Riccardi

Sentire e conoscere l’architettura sacra

Nell’ambito della mostra “Architetture della Fede”, la Raccolta Lercaro presenterà sabato alle ore 16.00 l’attività didattica riservata alla scuola secondaria

Svelare l’immagine

Raccolta Lercaro a Bologna: Percorsi per leggere un’opera d’arte

Le Chiese dei Santi Patroni

Mercoledì a Bologna, il cardinale Caffarra e Gian Maria Vian, direttore de “L’Osservatore Romano”, presentano il primo volume della collana “Italia della Fede”

“In hoc signo”

Ad Assisi allestita una mostra d’arte sacra contemporanea per celebrare il 1700° anniversario della “visio Constantini”

Ritorno alla Porziuncola

Santa Chiara d’Assisi: il carisma e l’icona in una mostra.

Assisi: un demone negli affreschi di Giotto

ASSISI, 6 novembre 2011 (ZENIT.org) – Riprendiamo il comunicato stampa diffuso dal Sacro Convento di Assisi in merito alla scoperta della storica Chiara Frugoni del profilo di un demone in uno degli affreschi di Giotto della Basilica Superiore di San Francesco d’Assisi.

* * *

E’ lì, da otto secoli, in uno degli affreschi del ciclo pittorico che segna l’inizio dell’arte figurativa occidentale, e nessuno finora se n’era accorto: nella ventesima scena della Vita di San Francesco, dipinta da Giotto nella Basilica superiore di Assisi, c’è il profilo di un demone, con due corna scure, che emerge dalle nuvole sospese fra la scena della morte di Francesco, in basso, e la scena dell’assunzione della sua anima in cielo.

A scoprirlo è stata la storica Chiara Frugoni, grande specialista francescana, dandone notizia in un articolo che sarà pubblicato nel prossimo numero della rivista San Francesco Patrono d’Italia, edita dal Sacro Convento d’Assisi, e che viene anticipato sul sito www.sanfrancesco.org e dove è possibile vedere le inedite immagini.

“L’apertura e il dialogo che i frati di Assisi manifestano sulle grandi questioni che interessano la vita dell’uomo e della società contemporanea li ritroviamo anche nel dibattito culturale e scientifico attorno ai tesori artistici custoditi ad Assisi” dichiara il Custode del Sacro Convento di Assisi, padre Giuseppe Piemontese. “Un dibattito che ci permette di porre delle domande che speriamo conducano alla Risposta del senso del significato della vita che è custodito nella storia di uno dei santi più amati dall’umanità. Continua padre Enzo Fortunato, direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi – questa scoperta può farci comprendere a livello catechetico l’importanza di oggettivare il male per non accoglierlo nella propria vita”.

La storica Frugoni – che sull’interpretazione di quel particolare avanza alcune ipotesi – è invece sicura del fatto che questa scoperta è destinata a fissare un nuovo inizio della ”manipolazione delle nuvole” da parte di un pittore. ”Fino ad oggi, infatti – osserva la storica – il primo pittore che pensò di trattare le nuvole era ritenuto Andrea Mantegna che nel suo San Sebastiano, dipinto nel 1460 (oggi conservato nel Kunsthistorisches Museum a Vienna), mostrò sullo sfondo del cielo un cavaliere che emerge da una nuvola. Ora, questo primato del Mantegna non è più tale”.

Sul perchè, invece, Giotto abbia dipinto nella parte della nuvola più vicina all’angelo di destra ”un vigoroso ritratto, completato anche da due corna scure”, la Frugoni non si sbilancia: ”Forse non fu soltanto un’impertinenza sfuggita fino ad oggi all’occhio di tutti. Nel Medioevo si credeva che anche nel cielo abitassero i demoni che ostacolavano la salita delle anime: e’un significato ancora da approfondire, ma che sembra destinato a dare buoni frutti”.

Assisi: un demone negli affreschi di Giotto

ASSISI, 6 novembre 2011 (ZENIT.org) – Riprendiamo il comunicato stampa diffuso dal Sacro Convento di Assisi in merito alla scoperta della storica Chiara Frugoni del profilo di un demone in uno degli affreschi di Giotto della Basilica Superiore di San Francesco d’Assisi.

* * *

E’ lì, da otto secoli, in uno degli affreschi del ciclo pittorico che segna l’inizio dell’arte figurativa occidentale, e nessuno finora se n’era accorto: nella ventesima scena della Vita di San Francesco, dipinta da Giotto nella Basilica superiore di Assisi, c’è il profilo di un demone, con due corna scure, che emerge dalle nuvole sospese fra la scena della morte di Francesco, in basso, e la scena dell’assunzione della sua anima in cielo.

A scoprirlo è stata la storica Chiara Frugoni, grande specialista francescana, dandone notizia in un articolo che sarà pubblicato nel prossimo numero della rivista San Francesco Patrono d’Italia, edita dal Sacro Convento d’Assisi, e che viene anticipato sul sito www.sanfrancesco.org e dove è possibile vedere le inedite immagini.

“L’apertura e il dialogo che i frati di Assisi manifestano sulle grandi questioni che interessano la vita dell’uomo e della società contemporanea li ritroviamo anche nel dibattito culturale e scientifico attorno ai tesori artistici custoditi ad Assisi” dichiara il Custode del Sacro Convento di Assisi, padre Giuseppe Piemontese. “Un dibattito che ci permette di porre delle domande che speriamo conducano alla Risposta del senso del significato della vita che è custodito nella storia di uno dei santi più amati dall’umanità. Continua padre Enzo Fortunato, direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi – questa scoperta può farci comprendere a livello catechetico l’importanza di oggettivare il male per non accoglierlo nella propria vita”.

La storica Frugoni – che sull’interpretazione di quel particolare avanza alcune ipotesi – è invece sicura del fatto che questa scoperta è destinata a fissare un nuovo inizio della ”manipolazione delle nuvole” da parte di un pittore. ”Fino ad oggi, infatti – osserva la storica – il primo pittore che pensò di trattare le nuvole era ritenuto Andrea Mantegna che nel suo San Sebastiano, dipinto nel 1460 (oggi conservato nel Kunsthistorisches Museum a Vienna), mostrò sullo sfondo del cielo un cavaliere che emerge da una nuvola. Ora, questo primato del Mantegna non è più tale”.

Sul perchè, invece, Giotto abbia dipinto nella parte della nuvola più vicina all’angelo di destra ”un vigoroso ritratto, completato anche da due corna scure”, la Frugoni non si sbilancia: ”Forse non fu soltanto un’impertinenza sfuggita fino ad oggi all’occhio di tutti. Nel Medioevo si credeva che anche nel cielo abitassero i demoni che ostacolavano la salita delle anime: e’un significato ancora da approfondire, ma che sembra destinato a dare buoni frutti”.