Dona Adesso
Network of social media

Pixabay CC0

Stress, lavoro e benessere nell’era dei social network

Domani la presentazione del libro di Javier Fiz Pérez e Flavia Margaritelli all’Università Europea di Roma

L’avvento di internet ha modificato profondamente le relazioni umane. Oggi è sufficiente spingere un tasto del computer per entrare subito in contatto con il resto del mondo. I social network offrono la grande opportunità di coltivare amicizie nuove e di abbattere ogni confine.

Tutto questo contribuisce ad allargare molto la nostra visione della vita quotidiana, anche nei rapporti che nascono nel mondo del lavoro.

L’innovazione tecnologica richiede una continua gestione della complessità, sia internamente, sia esternamente ai contesti organizzativi.

Le persone, alternando vita professionale e vita privata, ricercano continui equilibri.

La produttività dipende sempre più dalle capacità dei manager di sviluppare nuovi modi di stare al lavoro in salute e benessere.

Di questi temi si parlerà nel convegno Stress, lavoro e benessere nell’era dei social network, che si terrà mercoledì 11 maggio 2016, alle 9.30, all’Università Europea di Roma (via degli Aldobrandeschi 190), con ingresso libero.

Interverranno: Javier Fiz Pérez, Gabriele Giorgi, Flavia Margaritelli, Cristina Gerardis, Valerio Neri, Laura Mancuso, Marco Margheritti, Davide Magini, Emanuela Giovanna La Noce, Marco Di Lullo.

Nel corso dell’incontro sarà presentato il libro Stress, lavoro e benessere nell’era dei social network. Linee di pensiero e d’azione di Javier Fiz Pérez e Flavia Margaritelli con contributi di Marco Di Lullo, Gabriele Giorgi, Davide Magini, Vincenzo Vasco (Edizioni Franco Angeli).

***

 Scheda di presentazione del volume:

https://www.francoangeli.it/Ricerca/Scheda_libro.aspx?ID=23150

È possibile scaricare qui il programma del convegno:

http://www.universitaeuropeadiroma.it/doc-eventi/StressLavoroBenessereEraSocial.pdf

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione