Dona Adesso

“Sono stato aiutato, ora voglio aiutare il mio paese”

Grazie all’AVSI, Elie Fernick Ngerageze, 23enne del Burundi, ha potuto laurearsi. Dopo un master in cooperazione a Milano, sogna di tornare nel suo paese per contribuirne allo sviluppo

La presenza di cooperatori e strutture della fondazione AVSI nei paesi africani ha permesso ad alcuni giovani locali di coronare i loro sogni. È il caso di Elie Fernick Ngerageze, 23enne del Burundi, che ha potuto studiare economia e ora si accinge a specializzarsi in cooperazione e sviluppo per poter essere un giorno utile al suo paese.

ZENIT ha incontrato Elie allo stand di AVSI dell’appena conclusa XXXVI edizione del Meeting di Rimini, ricevendo una significativa testimonianza di vita e la conferma che l’istruzione è la miglior forma di riscatto per chi è nato in una realtà o in un paese difficile.

Elie, in che occasione hai fatto conosciuto la realtà dell’AVSI?

Ho conosciuto l’AVSI nel 2003, attraverso un progetto portato avanti nel mio paese, in un centro MEO che sorgeva a due passi da casa mia, che accoglie molti giovani, offrendo molte attività educative e culturali e fornendo anche assistenza sanitaria e medicine. Sono stato subito molto attratto dal centro: desideravo avere amici, conoscere gente, ecc. Dal 2003 c’è un gruppo che fa sostegno a distanza, grazie al quale ho potuto proseguire i miei studi, concludendo la scuola nel 2008.

Nel nostro paese, prima di iscriverci all’università dobbiamo sottoporci ad un test attitudinale nazionale, per stabilire chi deve fare medicina, chi elettronica, chi matematica, ingegneria o altro. In quell’anno vigeva una politica, per la quale gli studenti che avevano stabilito il punteggio più alto dovevano essere destinati all’insegnamento. Io però volevo fare economia. Nel frattempo ho iniziato a fare il volontario a questo centro MEO. Per me lavorare coi giovani è la mia passione; al tempo stesso volevo restituire quello che avevo ricevuto in quel centro.

Dopo nove mesi ho conosciuto Alberto Piatti, allora presidente della fondazione AVSI: lui si informò sulla mia situazione e io gli dissi che il governo avevo stabilito che io dovevo fare l’insegnante. Allora Alberto mi ha garantito il suo sostegno, così mi sono potuto iscrivere all’università americana in Burundi. Dopo essermi laureato l’anno scorso, mi sono trasferito a Milano, dove sto seguendo un master in Cooperazione e Sviluppo.

Hai sempre sognato un’attività come questa?

Sì, questo settore mi interessa molto. Mi piacerebbe in particolare lavorare in Africa. Dopo che avrò finito il Master, tornerò nel mio continente: il mio contributo sarà molto più utile in Africa che qui in Europa. La mia aspirazione da ragazzo è sempre stata quella di studiare economia, per poi occuparmi dello sviluppo del mio paese. Fino a quattro anni fa, però, non immaginavo che avrei potuto studiare cooperazione e sviluppo in Europa, ricevendo così una formazione più completa ed eccellente rispetto a quella che avrei potuto ricevere in Burundi. Sono contento di essere qua, è davvero una grande cosa per me, devo dire grazie a Dio, grazie alla mia famiglia, grazie ad Alberto e a tutte le persone che mi hanno sostenuto.

Cosa ti piacerebbe fare in particolare per il tuo paese?

Proprio perché il mio paese ho molti problemi, so che non posso rimanere con le mani in mano. Spero che il mio contributo potrà in qualche modo essere utile. In primo luogo, però, abbiamo bisogno di una stabilità politica che al momento manca, rendendo impossibile investire da noi. In attesa che la situazione si sblocchi, considero questo tempo come una fase di preparazione. Spero che in un paio d’anni, il problema della stabilità politica sarà risolto. Altrimenti dovrò scegliermi un’altra destinazione. Sento però che devo tornare in Burundi e fare qualcosa di utile per il mio paese.

 

About Luca Marcolivio

Roma, Italia Laurea in Scienze Politiche. Diploma di Specializzazione in Giornalismo. La Provincia Pavese. Radiocor - Il Sole 24 Ore. Il Giornale di Ostia. Ostia Oggi. Ostia Città (direttore). Eur Oggi. Messa e Meditazione. Sacerdos. Destra Italiana. Corrispondenza Romana. Radici Cristiane. Agenzia Sanitaria Italiana. L'Ottimista (direttore). Santini da Collezione (Hachette). I Santini della Madonna di Lourdes (McKay). Contro Garibaldi. Quello che a scuola non vi hanno raccontato (Vallecchi).

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione