Dona Adesso

Siria: caute speranze sul rilascio del francescano prelevato dai jihadisti

Padre Dhiya Azziz è è stato portato via dai miliziani, sabato 4 luglio, per un incontro con l’emiro della regione, attualmente sotto il dominio di al-Nusra. Nessuna notizia da allora

Rimane segnata dall’incertezza la vicenda del sacerdote francescano iracheno Dhiya Azziz, il parroco del villaggio siriano di Yacoubieh prelevato sabato 4 luglio da miliziani delle organizzazioni jihadiste che controllano la regione. Tuttavia tra i membri della comunità parrocchiale e tra i confratelli della Custodia francescana di Terra Santa le apprensioni per la sua sorte si mescolano a caute speranze di un suo rapido rilascio. 

Padre Dhiya – come riferito da un comunicato della Custodia – è stato portato via dalla brigata di miliziani che hanno detto di doverlo portare a un breve incontro con l’emiro che esercita l’autorità nella regione, attualmente sottoposta al dominio del Fronte al-Nusra, braccio siriano di al-Qaida. In un momento successivo, due miliziani sono stati inviati in parrocchia a prendere le medicine del frate, che soffre di diabete e ha altri problemi di salute. Questo dettaglio – sottolineano fonti locali contattate dall’agenzia Fides – fa ben sperare, perchè conferma che padre Dhiya è vivo e potrà gestire i suoi problemi di salute. A suscitare perplessità è la totale mancanza di informazioni riguardo al motivo del suo prelevamento. 

Padre Azziz, iracheno, da due anni aveva scelto volontariamente di andare a servire la parrocchia latina di Yacoubieh, nella provincia Idlib, in un distretto da tempo in mano ai gruppi jihadisti che nell’area hanno dato vita anche a istituzioni amministrative e giudiziarie incaricate di gestire il nuovo “ordine” politico islamista. Mentre i sacerdoti e i religiosi di altre Chiese e comunità cristiane hanno abbandonato la zona, a Yacoubieh e nel vicino villaggio di Knayeh sono rimaste aperte le due parrocchie affidate ai francescani, che continuano a assicurare la cura pastorale per le comunità locali, ridotte a poche centinaia di fedeli. 

Il religioso ha sempre cercato di tenersi fuori dalle questioni politiche e militari legate al conflitto siriano, conferma Fides. Ha continuato a offrire il suo servizio pastorale ai parrocchiani e a promuovere iniziative di solidarietà concreta anche a favore dei tanti rifugiati musulmani arrivati in quei villaggi cristiani. Pur di continuare a svolgere la sua missione nel luogo dove lo ha portato la sua vocazione, si è sottoposto alle disposizioni imposte dagli islamisti che vietano l’esposizione esterna delle croci e delle statue dei Santi, così come il suono delle campane. Proprio questo suo rispetto delle regole imposte dall’”ordine islamista” rende enigmatico il caso del suo prelevamento, che appare tuttora immotivato. 

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione