Dona Adesso

Papa & Dejan Šahović, 19 ottobre 2017 / © PHOTO.VA - OSSERVATORE ROMANO

Serbia: il Papa riceve il nuovo ambasciatore di Belgrado presso la Santa Sede

Dejan Šahović ha presentato le sue Lettere credenziali al Pontefice

Il nuovo ambasciatore della Serbia presso la Santa Sede, Dejan Šahović, ha presentato oggi, giovedì 19 ottobre 2017, le sue Lettere credenziali al Santo Padre. Lo ha reso noto la Sala Stampa vaticana, che ha anche pubblicato una scheda biografica del diplomatico serbo. Il nuovo rappresentante di Belgrado era finora ambasciatore nel ministero degli Affari Esteri della Serbia (dal 2016).

Nato nel 1955, Šahović ha conseguito la laurea in Diritto a Belgrado e ha iniziato il suo iter nel servizio diplomatico nel 1986 come terzo segretario presso la segreteria federale per gli Affari Esteri dell’allora Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia, poi come terzo e successivamente come secondo segretario presso l’ONU a New York (1987-1991).

E’ stato inoltre funzionario politico nelle missioni sul campo delle Nazioni Unite in Cambogia, Sud Africa e Tagikistan (1992-1996), ha lavorato come avvocato (1996-2000), poi come consigliere presso il ministero degli Affari Esteri (2000).

Dal 2001 fino al 2004 ha ricoperto l’incarico di rappresentante permanente della Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia presso l’ONU a New York e dal 2004 al 2006 rappresentante permanente dello Stato dell’Unione Serbia e Montenegro presso gli organismi ONU a Ginevra, in Svizzera.

Šahović, che è sposato ed è padre di due figli, è stato anche assistente ministro incaricato degli Affari multilaterali (2006), inoltre coordinatore nazionale per la presidenza della Serbia del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa (2007) e ambasciatore di Serbia in Ungheria (2008-2012), poi vice-capo gabinetto del presidente per la 67esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (2012-2013) e infine capo della Task Force per la Presidenza dell’OSCE 2015 della Serbia (2013-2015). (pdm)

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione