Dona Adesso

“Senza bellezza il vivere è una noia"

Conferenza al Meeting sulla bellezza, che “non è un lusso, ma un bisogno costitutivo dell’uomo”

Quattro persone con storie molto diverse si sono incontrate e incrociate sul tema della bellezza. “Un designer che ha inventato il vetro curvato più bello”, dice Alessandro Banfi presentando Vittorio Livi, imprenditore nato a Recanati. Con lui ci sono, prosegue Banfi, Emmanuele Silanos, “un sacerdote con esperienze in Oriente”, Duccio Campagnoli, presidente di BolognaFiere, e Mariella Carlotti, “insegnante che sa raccontare l’arte”. “Senza bellezza il vivere è una noia”, recita il titolo dell’incontro in sala Tiglio A6, realizzato in collaborazione con Federlegno Arredo, ma la grande affluenza di pubblico ha portato gli organizzatori del Meeting a collegare con la sala i grandi schermi delle piscine Ovest e della hall Sud.

“L’universo è stato fatto col dna della bellezza – esordisce Vittorio Livi, presidente di Fiam Italia – la bellezza è un valore fondamentale per la sopravvivenza dell’essere umano”. Livi parla di Federico da Montefeltro “che ha regnato su Urbino non con la noia, come il fratellastro, ma puntando sulla bellezza”. Descrive poi la bellezza e le caratteristiche del vetro (“il materiale più importante per il futuro dell’uomo”) e afferma, in riferimento alla propria esperienza lavorativa che gli ha fatto incontrare architetti e designer di fama mondiale: “Faccio un lavoro che praticamente non esisteva”.

Emmanuele Silanos, vicario generale della Fraternità sacerdotale San Carlo, presenta l’episodio evangelico della trasfigurazione di Gesù sul monte Tabor come “sintesi compiuta di cos’è l’esperienza della bellezza”. In questo contesto valorizza il commento di Pietro: “È bello per noi stare qui!”. “Il dramma contemporaneo – aggiunge Silanos – è che la bellezza non è più conoscibile, perché è stato rotto il rapporto tra bellezza e verità”. E ha aggiunto: “Il cristianesimo è un avvenimento di bellezza. Grazie all’incarnazione la bellezza si è resa incontrabile, si è fatta conoscibile e da questa esperienza nasce l’urgenza della missione”. Come ha detto al Meeting l’allora cardinale Ratzinger: “Occorre essere trafitti dal dardo della bellezza”. “Se non ci fosse l’incontro con la Bellezza che è Cristo – commenta il relatore – non varrebbe la pena essere cristiani”.

“Sono qui per l’incontro con gli amici di Federlegno” ha esordito Duccio Campagnoli, presidente di Bologna Fiere, che ha fatto poi riferimento alla nuova iniziativa della filiera italiana del legno-arredo, partner la Fiera di Bologna, per portare nel 2016 il Salone del mobile in Cina. Anche Campagnoli, come aveva fatto prima Silanos, ricorda la sua visita alla Sagrada Familia di Barcellona: “Stupito dalla bellezza; è stata un’esperienza straordinaria”. Campagnoli indicata poi un secondo motivo della sua presenza all’incontro: “Sono nato a Recanati, città sulla quale incombe una figura straordinaria”, quella di Leopardi che ha scritto che il bello “fa quasi ingigantire l’anima in tutte le sue parti”.

Mariella Carlotti, insegnante e storica dell’arte, inizia quasi provocatoriamente spezzando una lancia in favore della noia, per Leopardi “il più sublime dei sentimenti umani”. “La noia non è il contrario della bellezza – ha precisato l’insegnante e saggista – ma la nostalgia della bellezza”. Utilizzando diapositive, ha sottolineato che “la bellezza non è un lusso, ma un bisogno costitutivo dell’uomo. L’uomo ha bisogno della bellezza più del pane”. Le pievi e le cattedrali sono state per secoli emblemi della bellezza, alimentando l’urgenza che la bellezza si estendesse alla città.

“Gaudì sapeva – ha ricordato Carlotti – che non avrebbe visto l’opera intera, la Sagrada, e decise di completare un particolare: la facciata, ‘perché la sua bellezza rendesse impossibile abbandonare l’opera’. Così per poter vivere nel fango della vita ci vuole un punto di bellezza. Questo sono, nell’arco dell’anno, le giornate del Meeting. È il metodo di Dio: creare nella storia punti di bellezza che sostengano la fatica del vivere”. Il cuore dell’uomo si annoia tremendamente se non ha una bellezza presente. “È una bellezza che si incontra in una compagnia umana presente che fa rivivere la bellezza dei secoli passati. Al Meeting, ad esempio, c’è una bellezza strana che si percepisce. Senza una bellezza presente – ha concluso Carlotti – quella del passato sarebbe una nostalgia insopportabile”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione