Dona Adesso

Sentiva un vuoto e si ingozzava di cibo. Ora è una suora felice

La testimonianza di suor Jennifer: coreana immigrata negli Usa, frequentava psicologi, Alcolisti Anonimi e gruppi di supporto per persone con disturbi alimentari, abusando di antidepressivi. Fino a quando non si è rivolta a Maria…

Mi chiamo Suor Jennifer, oggi sono molto felice di vivere e sono stra-felice di essere una donna consacrata nella Comunità Cenacolo. Voglio condividervi che prima di risorgere a una nuova vita e di sperimentare che Gesù è venuto veramente perchè io abbia la vita e l’abbia in abbondanza, ho dovuto passare attraverso la croce. Sono cresciuta in una famiglia cristiana, i miei genitori immigrarono negli Stati Uniti per studiare e cercare una vita migliore. Avevano una cultura e dei modi di fare diversi dagli americani e questo mi scomodava e mi portava a giudicarli, a rifiutare il mio aspetto fisico e la parte coreana di me.

A casa nostra lo studio era più importante di tutto, la TV era sotto chiave e le mie sorelle ed io potevamo guardarla solo mezz’ora al giorno; dovevo frequentare una scuola per imparare il coreano e quindi non avevo tempo di andare alle feste con le mie amiche. Durante l’estate, invece di andare in spiaggia, dovevo studiare matematica per migliorare sempre di più le mie capacità. Le domeniche non erano dedicate a rilassarsi o ad andare al parco insieme: stavamo nella nostra parrocchia coreana ad insegnare il catechismo o ad aiutare.

Solo adesso, con gli occhi della fede e grazie alle guarigioni che Gesù ha operato nel mio cuore, apprezzo infinitamente i miei genitori per la disciplina e l’educazione ricevute. Il fatto che non mi accettassi e le varie difficoltà che vivevo per conciliare il mondo coreano e quello americano le sapevamo solo Gesù ed io. Ero capace di nascondermi dietro il mio sorriso, di stare davanti a tante persone, mi affermavo con ottimi risultati negli studi e nello sport, sembravo una ragazza in gamba, tanto caritatevole e impegnata nel volontariato, però alla fine tutte queste cose erano soltanto un modo per riempire il vuoto che avevo dentro. Avevo bisogno di amore e lo cercavo facendo tante cose e cercando di essere una brava ragazza, ma dentro ero sola e insoddisfatta.

Ad un certo punto mi sono ritrovata ad essere stanca di questo gioco: ero stufa di fare di tutto per apparire, di correre dietro le mie ambizioni e alla mia preoccupazione di avere una linea perfetta. Ho incominciato a vivere solo pensando a ciò che mangiavo: era più facile rifugiarmi nel cibo che pensare alla mia vita, al vuoto che c’era nel mio cuore, al fatto che ero infelice…e poco a poco mi distruggevo. Che strano: anche in tutta questa morte, rimaneva dentro di me un grande desiderio di amare tanto e amare tutti…desideravo andare nel terzo mondo per aiutare “i poveri”, però non avevo nessun amore per me stessa e per la mia vita. Ringrazio Dio perchè ha messo sul mio cammino delle persone, anche delle suore e dei sacerdoti, che mi hanno voluto bene e mi hanno aiutato a sentire l’amore di Dio. Alcuni di loro erano miei professori all’università e più di una volta mi hanno proposto di prendere in considerazione l’idea di consacrarmi.

Certamente ero alla ricerca di qualcosa di più, qualcosa che soddisfacesse e riempisse questo anelito profondo del mio cuore, però non pensavo di farmi suora perchè volevo il mio principe azzurro. Ho provato di tutto: psicologi, antidepressivi, gli Alcolisti Anonimi e i gruppi di supporto per persone che avevano problemi con il cibo, però non potevo accettare che la mia vita finisse così. Finalmente ho gridato a Dio: “O inizio a vivere veramente o preferisco morire”. Dopo questa richiesta di aiuto la Madonna mi ha chiamato in pellegrinaggio al Festival dei Giovani a Medugorje e lì ho incontrato la Comunità Cenacolo, la mia salvezza.

La Comunità mi ha insegnato a vivere, ho incominciato per la prima volta a guardarmi dentro e a conoscermi. Ho avuto tante occasioni per confrontarmi con i miei doni e i miei limiti e non mi sono mai sentita giudicata per le mie povertà. Mi è stata data la possibilità di affrontare la sofferenza e mi sono sentita aiutata a non scappare ma ad abbracciare la croce. Gesù mi ha fatto sperimentare la sua umanità attraverso i gesti concreti delle persone che vivevano con me. Ho scoperto che cosa significa l’amicizia, la pazienza, il perdono…mi sono sentita amata e questo mi ha dato la forza e il desiderio di essere anch’io dono per gli altri. A poco a poco, con l’aiuto della preghiera e dell’adorazione Eucaristica, l’egoismo, la tristezza e il rifiuto che avevo nel cuore hanno lasciato spazio alla pace, alla voglia di vivere e alla gioia.

Dopo il mio primo anno di Comunità, ho detto a Gesù che volevo consacrarmi… ma non che volevo farmi suora. Volevo vivere una vita piena con tanti bambini, con la libertà di partire, di aiutare, di amare tutti, ma ancora aspettavo il mio principe azzurro. C’è voluto del tempo e continuavo a chiedere a Dio di farmi capire la sua volontà. Alla fine ho capito che Gesù non impone nulla, Lui vuole rendermi felice e realizzare la mia vita. Sono stata io a scegliere di diventare una suora. La preghiera mi ha aiutato a capire che la strada della consacrazione è ciò che più corrisponde alla mia persona e ai desideri profondi del mio cuore.

Oggi mi sento al mio posto, libera di vivere e di amare, di sbagliare e di ricominciare, di essere così come sono. Sperimento ogni giorno che Dio opera nella mia vita e che è Lui che mi sostiene. Questa è la mia vita consacrata a Dio oggi: dire “Sì” ogni giorno al suo Amore e lasciare che Lui abiti la mia povera umanità per essere madre, sorella, amica universale dei bambini, dei missionari e delle sorelle che vivono con me. Che storia fantastica!

[Per ogni approfondimento http://www.comunitacenacolo.it/]

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione