Dona Adesso

“Se vogliamo essere cristiani, dobbiamo essere mariani”

Mons. Krzysztof Charamsa, segretario aggiunto della Commissione Teologica Internazionale, spiega la figura della Vergine Maria alla luce delle virtù teologali

***

Qual è il nesso tra Maria e le virtù teologali?

Direi semplicemente: se nel cristianesimo c’è qualcuno che c’entra in pieno con le virtù teologali, questo qualcuno è proprio Maria. Non c’è stata nella storia e non ci sarà un’altra persona umana, che abbia avuto una esistenza così profondamente segnata dalla fede, dalla speranza e dalla carità, come la donna di Nazaret. La risposta che Maria dà a Dio, è il paradigma ideale del vissuto delle virtù.

In che modo fede e speranza e carità si coniugano con un cammino di preghiera mariana?

Nella vita di Maria vediamo incastonate le virtù, la sua vita è formata dalle virtù, per noi il modello mariano è raggiungibile innanzitutto in un dinamico rapporto di preghiera mariana. Se desidero vivere le virtù cristiane nel mio quotidiano, necessito un rapporto di dialogo con chi le ha vissute in pieno. Certo, è Cristo che ci ha insegnato tutto, ma lui non è stato mai un “teoretico” lontano dalla vita, ci ha dato la Madre che per prima è stata formata alla sua scuola. In un certo senso “plasmando” sua Madre, ci ha mostrato in lei l’umanità realizzata alla luce della buona novella: l’umanità edificata dalle virtù.

In questo contesto cosa dice Sant’Agostino, che conclude il libro?

Il mio precedente libro mariologico Abitare la Parola. In compagnia della Madre del Verbo si concludeva con un capitolo sulle linee portanti della mariologia di San Tommaso d’Aquino. La mia riflessione allora toccava più da vicino il rapporto tra Maria e Cristo, il Verbo di Dio. Come affermano i dogmatici, ho riflettuto tra la mariologia e la cristologia, e, in questa prospettiva, l’Aquinate è il vero maestro: Maria è principalmente la Madre di Dio e del suo Verbo, Gesù Cristo. Nel volume Virtù e vocazione. Un cammino mariano in un certo senso completo la prospettiva, con un “omaggio” ad Agostino d’Ippona. Nell’ultimo capitolo traccio dieci temi chiave della dottrina mariana come indicate dal saggio e santo padre della Chiesa. La ragione di questa appendice patristica sta nel fatto che il volume si muove nella prospettiva del rapporto tra Maria e la Chiesa, tra Maria e i credenti, ovvero tra la mariologia e l’ecclesiologia. Questa è la prospettiva privilegiata che ci offre Sant’Agostino, e che fu poi ripresa dall’insegnamento mariano del Concilio Vaticano II. In realtà Agostino è anche il maestro privilegiato del magistero mariano di Papa Benedetto XVI e di Papa Francesco. Questi due pontefici ci hanno lasciato una “trilogia” delle encicliche sulla fede, speranza e carità, che offrono un bellissimo riferimento mariano, nella prospettiva della scuola agostiniana delle virtù.

Perché è importante la verginità di Maria?

Sono convinto che la verginità di Maria è importante per ogni cristiano, consacrato, vergine o sposato, proprio perché la Madonna concentra in sè, in un misterioso connubio, tutti gli stati di vita cristiana: è vergine e consacrata a Dio, ma al contempo è sposa e madre. Così lei è veramente sorella di ogni cristiano, qualsiasi sia la vocazione, e sempre in una tensione della piena libertà interiore, che contraddistingue la Madre del Signore nei suoi rapporti di affidamento a Dio e perciò anche ai prossimi.

Come leggere il voto di Maria e il matrimonio con Giuseppe?

La pagina evangelica che parla del rapporto tra Maria e Giuseppe è stato da sempre un problemi per gli interpreti, sin dai tempi dei Padri della Chiesa. Proprio Agostino, riflettendo sulla meraviglia e suullo stupore di Maria all’annuncio dell’angelo, supponeva che lei avesse fatto un voto di verginità prima dell’Annunciazione. In realtà, penso che Maria si chieda come acconsentire alla proposta divina, come realizzare la vocazione che le viene indicata. D’altro canto anche Agostino sottolinea il realismo del matrimonio di Maria e Giuseppe, pur senza una vera e propria unione sponsale. Il bambino Gesù nasce non come frutto dell’unione degli sposi, ma viene generato come frutto della risposta di fede della Vergine.

Vorrei spendere anche una parola su Giuseppe, che resta una figura molto importante per Maria, come sposo e padre di questa famiglia, che Dio gli ha affidato. Lui è un uomo fondamentale per la Chiesa, la quale, in un certo senso, trova in questa famiglia la culla. Mi piace notare che proprio Papa Francesco, sin dalla prima omelia del suo pontificato, insegna che San Giuseppe, uomo saggio e fedele, occupa un posto del tutto speciale nella storia della Chiesa. Giuseppe è un padre molto umile, una figura maschile che sta sempre all’ombra sia di Gesù che della Madre di Gesù. Penso che è un’ottima scuola di umiltà per i maschi, che non di rado tendono a prevalere su tutto e su tutti, mentre devono mettersi a servizio degli altri, devono saper sostenere discretamente, assumendo coraggiosamente le proprie responsabilità, in una collaborazione, che mai sottomette gli altri a sè stesso.

Qual è, secondo lei, l’attualità della spiritualità e della pastorale mariana nei tempi moderni?

È stato il Concilio Vaticano II e poi il papa Paolo VI, con la sua splendida esortazione Marialis cultus (vale la pena rileggerla!), a rinnovare profondamente sia la spiritualità che la pastorale mariana, aggiornandola alla luce di ciò che evangelicamente essenziale in Maria. Mi piace tornare spesso a quella famosa frase del beato Paolo VI, pronunciata al santuario di Bonaria a Cagliari: “Se vogliamo essere cristiani, dobbiamo essere mariani”, ovvero per essere uomini e donne di Cristo, figli e figlie adottive di Gesù Figlio di Dio, si deve serbare nel cuore anche una “radice” mariana. Senza un costante riferimento alla Madre, è difficile tenere un rapporto vivo ed edificante con suo Figlio. Penso che questa dimensione è particolarmente importante per i tempi moderni, in un tempo in cui risalta la sfida relativa alla questione femminile. Tenendo conto dei tentativi di stravolgimento antropologico e sociale della figura femminile.  Nella dimensione mariana della fede cristiana possiamo scoprire e ritrovare il volto femminile della nostra adesione a Gesù Cristo come immagine del Padre celeste. In Maria troviamo la forza e la sensibilità del genio femminile, che dovrebbe caratterizzare anche la Chiesa e ogni vocazione cristiana.

About Antonio Gaspari

Cascia (PG) Italia Studi universitari a Torino facoltà di Scienze Politiche. Nel 1998 Premio della Fondazione Vittoria Quarenghi con la motivazione di «Aver contribuito alla diffusione della cultura della vita». Il 16 novembre del 2006 ho ricevuto il premio internazionale “Padre Pio di Pietrelcina” per la “Indiscutibile professionalità e per la capacità discreta di fare cultura”. Il Messaggero, Il Foglio, Avvenire, Il Giornale del Popolo (Lugano), La Razon, Rai tre, Rai due, Tempi, Il Timone, Inside the Vatican, Si alla Vita, XXI Secolo Scienza e Tecnologia, Mondo e Missione, Sacerdos, Greenwatchnews. 1991 «L'imbroglio ecologico- non ci sono limiti allo sviluppo» (edizioni Vita Nuova) . 1992  «Il Buco d'ozono catastrofe o speculazione?» (edizioni Vita Nuova). 1993 «Il lato oscuro del movimento animalista» (edizioni Vita Nuova). 1998 «Los Judios, Pio XII Y la leyenda Negra» Pubblicato da Planeta in Spagna. 1999 «Nascosti in convento» (Ancora 1999). 1999 insieme a Roberto Irsuti il volume: «Troppo caldo o troppo freddo? - la favola del riscaldamento del pianeta» (21mo Secolo). 2000 “Da Malthus al razzismo verde. La vera storia del movimento per il controllo delle nascite” (21mo Secolo, Roma 2000). 2001 «Gli ebrei salvati da Pio XII» (Logos Press). 2002 ho pubblicato tre saggi nei volumi «Global Report- lo stato del pianeta tra preoccupazione etiche e miti ambientalisti» (21mo Secolo, Roma 2002). 2002 ho pubblicato un saggio nel nel Working Paper n.78 del Centro di Metodologia delle scienze sociali della LUISS (Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli di Roma) «Scienza e leggenda, l’informazione scientifica snobbata dai media». 2003 insieme a VittorFranco Pisano il volume “Da Seattle all’ecoterrorismo” (21mo Secolo, Roma 2003). 2004 ho pubblicato insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti” (Edizioni Piemme). 2004 coautore con del libro  “Emergenza demografia. Troppi? Pochi? O mal distribuiti?” (Rubbettino editore). 2004 coautore con altri del libro “Biotecnologie, i vantaggi per la salute e per l’ambiente” ((21mo Secolo, Roma 2004). 2006 insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti 2” (Edizioni Piemme). 2008 insieme a Riccardo Cascioli il libro “Che tempo farà… Falsi allarmismi e menzogne sul clima (Piemme). 2008, è stata pubblicata l’edizione giapponese de “Le bugie degli ambientalisti” edizioni Yosensha. 2009. insieme a Riccardo Cascioli “I padroni del Pianeta – le bugie degli ambientalisti su incremento demografico, sviluppo globale e risorse disponibili” (Piemme). 2010 insieme a Riccardo Cascioli, è stato pubblicato il volume “2012. Catastrofismo e fine dei tempi” (Piemme). 2011 Questo volume è stato pubblicato anche in Polonia con l’imprimatur della Curia Metropolitana di Cracovia per le e3dizioni WYDAWNICTTWO SW. Stanislawa BM.

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione