Dona Adesso

“Se Maiduguri cade nelle mani di Boko Haram è disastro per tutta l’Africa”

Il responsabile delle comunicazioni della diocesi nigeriana guarda con terrore ai tentativi dei miliziani di impossessarsi della città e spiega le catastrofiche conseguenze di un eventuale assalto

“Se Maiduguri dovesse cadere nelle mani di Boko Haram sarebbe un disastro per tutta l’Africa”. Padre Gideon Obasogie, responsabile delle comunicazioni sociale della diocesi di Maiduguri, commenta con terrore all’agenzia Fides i tentativi di assalto dei giorni scorsi da parte della setta islamista contro la capitale dello Stato di Borno, nella Nigeria nord-orientale.

“Maiduguri – afferma – è una capitale statale e sede del governo locale, con tutte le sue strutture, con un’alta concentrazione della popolazione dello Stato di Borno, ed è il centro commerciale nevralgico del nord-est”. “Se la città dovesse cadere – sottolinea il sacerdote – una parte dei cittadini potrebbe finire per radicalizzarsi e i terroristi avrebbero ancora più reclute. Maiduguri diverrebbe per Boko Haram una roccaforte dalla quale lanciarsi in ulteriori conquiste negli Stati di Yobe, Bauchi, Adamawa e Gombe”.

Inoltre, impossessandosi della città i terroristi controllerebbero un aeroporto e la base della VII visione. E questo – siega padre Obasogie – “sarebbe uno sviluppo della situazione molto pericoloso per la Nigeria e potenzialmente per tutta l’Africa”.

Finora i militanti hanno conquistato e occupato cittadine e villaggi vicino Maiduguri. Con la recente ondata di attacchi, “la tensione è salita” – afferma il religioso -, soprattutto in questo periodo in cui si avvicinano le elezioni di febbraio. “I cittadini di Maiduguri – aggiunge – tendono ad evitare le aree affollate per paura di attacchi terroristici, e i seggi elettorali non fanno eccezione, a meno che la sicurezza degli elettori non sia garantita. Se qualcuno vuole il nostro voto, la nostra sicurezza deve essere garantita”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione