Dona Adesso

Santa Maria Goretti negli Usa per “il pellegrinaggio della misericordia”

Da settembre a novembre, in concomitanza con il Giubileo e il viaggio del Papa, le reliquie della giovane santa visiteranno circa 30 diocesi americane

Vanno in “tour” negli Usa le reliquie di Santa Maria Goretti per quello che è già stato ribattezzato “il pellegrinaggio della misericordia” che, da settembre – in coincidenza con la visita di Papa Francesco – fino a novembre, porterà il corpo della giovane martire italiana tra parrocchie e cattedrali, prigioni e anche un braccio della morte.

Come riferisce il sito Vatican Insider, sarà il primo viaggio in America delle reliquie della Santa, uccisa a 11 anni nel 1902 durante un tentativo di stupro a Nettuno, poi canonizzata nel 1950. Sarà invece solo la seconda volta che i suoi resti lasciano l’Italia.

La visita di Maria Goretti negli Usa – che coincide con l’Anno Santo Straordinario della Misericordia indetto da Papa Francesco – “è uno sforzo da parte della Santa Sede e dei Tesori della Chiesa per preparare l’America in vista di questa grande celebrazione”, spiega il sito mariagoretti.com che introduce i fedeli al pellegrinaggio.

L’iniziativa ha ricevuto l’incoraggiamento anche di alcuni vescovi, come mons. Timothy Doherty di Lafayette, Indiana, che ha detto: “Raccomando a tutti i fedeli di partecipare. Che Maria Goretti ci ispiri ad accettare il perdono e a offrirlo”. 

Più nel dettaglio, le reliquie – racchiuse in una bara di vetro e a sua volta in una replica del corpo realizzato in cera – partiranno da Newark, New Jersey, il 21 settembre, per poi precedere l’arrivo del Papa a Philadelphia i successivi 24 e 25, nei giorni del Meeting Mondiale delle Famiglie. Prevista poi una tappa di un solo giorno, il 28, a New York, per la venerazione nella cattedrale di San Patrizio. E poi la Holy Cross di Boston e altri passaggi in 25 diocesi cattoliche su 16 stati tra cui anche le arcidiocesi di Detroit, Chicago, Atlanta, Houston, e Oklahoma City.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione